È entrato in una discoteca di Costanza, in Germania, e ha iniziato a sparare uccidendo una persona. Ore 4.30, nel locale Grey si balla e si beve: la consueta scena del sabato notte. L’uomo, 34 anni, entra armato di una mitragliatrice dopo aver ferito il buttafori e punta sulla folla di giovani, scatenando il panico.

Fa un morto e ferisce diverse persone. Poi si da alla fuga, ma viene inseguito e fermato dalla polizia che a sua volta spara. Ne nasce un conflitto a fuoco, un agente e l’assalitore vengono feriti. Quest’ultimo muore in ospedale poco dopo.

“L’autore del gesto era un iracheno da molti anni in Germania, non un richiedente asilo”, ha spiegato il portavoce della polizia della città tedesca, Fritz Beziker, che – secondo quanto riporta Ntv – avrebbe escluso per ora l’ipotesi terrorismo: “Non c’è conferma al momento del movente”.

Ignote in questo momento la nazionalità e il movente del gesto dell’uomo. La polizia tedesca ha fatto sapere, in una nota, di aver dispiegato commando di forze speciali a Costanza. Venerdì, ad Amburgo, un richiedente asilo cui non era stato consentito di restare in Germania, mentalmente instabile, aveva ucciso una persona e ne aveva ferite altre sei.