Il lungo stallo messicano che ha coinvolto Massimo Giletti e la Rai sembra finalmente essere giunto a una conclusione. Quella più attesa, peraltro, visto che dopo il lungo silenzio reciproco dei mesi scorsi, non poteva che finire con l’addio del giornalista e conduttore piemontese a viale Mazzini. Durante una riunione del consiglio di amministrazione della televisione pubblica, il direttore generale Mario Orfeo ha detto: “Giletti non ci ha fatto sapere nulla. Quindi, per quanto ci riguarda, la proposta è scaduta”.

La risposta che attendevano al settimo piano riguardava l’idea della Rai di affidare al conduttore alcune prime serate del sabato sera (andando quindi a sbattere contro la concorrenza di Maria De Filippi) e spazi in seconda serata per reportage dall’estero. Il tutto dopo la discussa cancellazione de L’Arena, il talk domenicale che otteneva ottimi risultati all’Auditel e batteva puntualmente l’altrimenti imbattibile Barbara D’Urso. A quanto pare, dunque, Massimo Giletti avrebbe scelto la linea del silenzio, rifiutandosi di rispondere a una proposta che a suo avviso era irricevibile.

E il totoGiletti, che già nelle scorse settimane impazzava tra addetti ai lavori e stampa specializzata, è tornato d’attualità: dove andrà nella prossima stagione? C’è chi parla di un approdo a Mediaset, proprio a DomenicaLive, ad occupare la stessa fascia oraria che aveva su RaiUno, anche se solo a partire da gennaio. Ma è di venerdì la notizia, diffusa da Dagospia, di un incontro milanese giovedì mattina tra Massimo Giletti e Urbano Cairo, patron di La7. Si tratterebbe del secondo incontro tra i due, a riprova di una trattativa che sarebbe già avviata.