“Hai famiglia? Che fanno i tuoi figli?” così un 12enne ‘intratteneva’ il proprietario disabile di una villa di Massa Lubrense, a Napoli mentre i due fratelli, di 17 e 30 anni, gli svaligiavano casa. Non solo. Il bambino minacciava l’uomo sulla sedia a rotelle, già picchiato dagli altri due, con un grosso cacciavite mentre per ingannare il tempo conversava con la vittima, terrorizzata e dolorante. L’episodio è avvenuto in pieno giorno, una domenica dello scorso mese di giugno.

I tre giovani sono stati identificati e fermati dai carabinieri al termine delle indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata, che ha emesso il provvedimento di fermo insieme alla Procura dei Minorenni di Napoli. I fratelli sono ora accusati di rapina aggravata, anche se il 12enne non è imputabile. Può solo essere segnalato alla Procura dei minorenni che attiverà i servizi sociali. Caso differente quello del 17enne che invece è perseguibile dalla legge avendo superato i 14 anni.

I tre vivevano un campo rom della provincia a Nord di Napoli. Il bottino trafugato in argenteria e denaro raggiungeva il valore di 50mila euro. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, subito dopo essere entrati nella villa i due fratelli più grandi hanno individuato e picchiato pesantemente il proprietario invalido, per costringerlo a consegnare le chiavi del caveau. Dopo aver picchiato violentemente l’uomo sulla sedia a rotelle, provocandogli lesioni e ferite, anche alla testa hanno iniziato a svaligiare la villa. Mentre il 30enne e il 17enne rapinavano il caveau, il 12enne è restato per circa venti minuti per la vittima. In questo lasso di tempo ha intrattenuto la conversazione con l’uomo facendogli varie domande: “Quanti anni hanno i tuoi figli? Vivono con te?”. I tre fratelli sono stati riconosciuti dalla vittima.  Le ferite riportate dal proprietario della villa non sono gravi e sono state giudicate dai medici guaribili in 30 giorni.