Nel filmato, registrato dalle telecamere di sicurezza di una galleria d’arte di Los Angeles, è stato immortalato quello che forse verrà ricordato come il selfie più costoso della storia. Una donna si avvicina ad un’istallazione della ‘the 14th factory”, intitolata ‘Hypercaine’, per scattarsi una foto. Ma perde l’equilibrio e urta una delle colonnine che cade, colpendone un’altra e un’altra ancora. Generando un vero e proprio effetto domino durante il quale si sono danneggiate in modo irreversibile alcune delle opere che erano poggiate sopra di esse. L’autore dell’esibizione, l’inglese Simon Birch che vive attualmente ad Hong Kong, ha fatto una stima dei danni che si aggira intorno ai 200mila euro.