La brutale repressione della protesta è stata ripresa da vari testimoni, che hanno pubblicato sui social network immagini e video, ed è stata denunciata dal vicepresidente del Parlamento, Freddy Guevara. Una quarantina di studenti universitari, in maggioranza ragazzi, sono stati fermati mentre si dirigevano verso la sede del Consiglio nazionale elettorale (Cne). “Erano al riparo, e i poliziotti gli hanno detto che uscissero tranquilli, che non c’erano problemi. Poi li hanno riuniti, gli hanno sparato addosso i lacrimogeni, hanno aperto gli sportelli di un camion frigo, li hanno caricati come se fossero bestiame e se li sono portati via”, ha raccontato Guevara.

In almeno due video ripresi durante l’arresto dei giovani si vede un agente della polizia che, prima di chiudere gli sportelli del camion, lancia un candelotto lacrimogeno al suo interno. Un altro dirigente oppositore, David Smolansky, ha raccontato da parte sua che pattuglie della Guardia nazionale hanno teso una imboscata al gruppo nel quale si trovava, sparando pallettoni di gomma e lacrimogeni. “Abbiamo visto agenti rubare zainetti e cellulari, malmenare gente disarmata che stava sfilando pacificamente. Io stesso ho dovuto trarre in salvo un ragazzo in sedia a rotelle che rischiava di asfissiarsi a causa dei gas”, ha detto Smolansky.