La scuola di formazione del Fatto Quotidiano si apre al meglio del giornalismo video: dopo aver raccontato il giornalismo di inchiesta e quello web, da luglio nella redazione di Roma del Fatto arrivano i grandi protagonisti dell’informazione televisiva.

Si comincia sabato 8 luglio con due delle migliori giornaliste televisive in Italia: Lisa Iotti e Claudia Di Pasquale che spiegheranno i due stili dell’eccellenza televisiva modello Rai 3, cioè Presadiretta (Lisa) e Report (Claudia). Da un lato il reportage, la sfida di rendere in linguaggio per immagini i temi più complessi come la robotica o la nuova infertilità maschile, dall’altra il giornalismo di denuncia, i segreti della Coca Cola, i pericoli della plastica, gli scandali della burocrazia…

Nel pomeriggio di sabato 8 luglio un incontro d’eccezione: Franca Leosini, sollecitata dalle domande mie e di David Perluigi con Gisella Ruccia, spiegherà tutto di come nascono le sue “storie maledette”: come si intervista un assassino? Quale distacco deve avere il giornalista? E come può riuscire a far emergere, con un semplice dialogo, verità rimaste coperte per un intero processo? Franca Leosini è nota anche per la sua riservatezza, questa sarà una delle rare occasioni in cui aprirà ai corsisti del Fatto il suo mondo di grandi scoop e di interviste esclusive.

Si prosegue sabato 15 luglio con un altro pilastro dell’informazione tv: Alessandra Sardoni, inviata del Tg La7 e conduttrice di Omnibus, racconterà come si stanno evolvendo i talk, cosa succede dietro le quinte, come si costruisce un dibattito efficace, quali sono davvero i rapporti con la politica. Da protagonista delle maratone di Enrico Mentana, Alessandra spiegherà anche come si coprono in diretta i grandi eventi della politica.

Sempre sabato 15 luglio, il viaggio nel mestiere del “pensare” la tv prosegue con due docenti che racconteranno il lavoro meno visibile ma più decisivo: quello dell’autore televisivo. Luca Sommi, che ha lavorato per Rai e La7, spiegherà come si scrive un programma di informazione, come dosare ospiti e filmati, quanto conta il copione come catturare l’attenzione. Paolo Mariconda, che dagli Sgommati a Ballarò ha sempre lavorato sulla satira, spiegherà i meccanismi della scrittura comica in tv. Cos’è un format, come si costruisce un programma comico, come adattarlo a seconda delle esigenze della fascia oraria, della rete, dell’editore. Un’occasione rara di scoprire con i protagonisti i meccanismi più nascosti della tv.

Sabato 22 luglio, infine, si parlerà di reportage e giornalismo di guerra. Francesca Mannocchi, a lungo inviata di Piazzapulita, oggi è una giornalista freelance che si muove sui fronti di guerra più caldi, dalla Libia alla Siria. I suoi reportage vengono trasmessi da Sky, La 7, Rai 3 e pubblicati da L’Espresso. Come si raccontano il terrorismo e le sue conseguenze? E come si riesce a seguire i grandi eventi internazionali muovendosi da freelance, senza la copertura (e lo stipendio fisso) di una grande testata? Francesca è riuscita a costruire un modo nuovo di fare informazione di qualità in contesti difficilissimi e spiegherà il suo metodo di lavoro.

Uno dei migliori inviati della tv italiana è Domenico Iannacone: dopo molti anni a fianco di Riccardo Iacona a Presa Diretta, oggi Domenico è autore e protagonista de I dieci comandamenti, il nuovo format di reportage di Rai3 che ha già avuto successo di share e premi di critica. Nel suo corso Iannacone spiegherà come si costruisce un racconto corale partendo da storie individuali, quali sono i tempi narrativi di un reportage, quanto e come l’autore deve partecipare al mondo che racconta. E, soprattutto, come si possono portare le regole del cinema nel racconto televisivo? Ne discuterà con lui la nostra Patrizia De Rubertis. 

Tutte le informazioni e le modalità per iscriversi ai corsi di videogiornalismo le trovate sul nostro sito nella sezione corsi