Ascoltare musica melanconica la mattina, magari mentre si va al lavoro in macchina, ci mette dell’umore giusto per affrontare la giornata. Sembra una cosa contro ogni logica, eppure queste sono le risultanze di uno studio sul “potere emotivo delle playlist in auto” portato avanti da Ford in collaborazione con Spotify.

Oltre ad influenzare il nostro mood in quel momento, secondo la ricerca gli effetti benefici sull’umore si protrarrebbero infatti anche nelle ore successive all’ascolto. Ci sono infatti, spiegano gli studiosi (italiani, inglesi, francesi e tedeschi), due fattori fondamentali che influenzano lo stato d’animo: il dinamismo e la chimica intrinseca. Il primo si spiega da sè, mentre la seconda è quella che (insieme a tempo e ritmo) influisce di più sulle emozioni che si provano ascoltando una canzone.

La ricerca è stata effettuata facendo ascoltare brani e playlist diverse combinazioni di dinamismo e chimica intrinseca, e rilevando poi l’umore degli automobilisti. Come? Somministrando loro dei questionari prima, durante e dopo gli spostamenti mattutini in auto.

Il risultato è quello già svelato: “non sono soltanto le canzoni più allegre ad avere un effetto positivo sull’umore dei guidatori, ma ugualmente possono averlo anche i brani dai testi e melodie più malinconiche. Infatti, le canzoni blue sono in grado di aiutarci a vivere meglio il rapporto con noi stessi. Ci possono ricordare, ad esempio, le difficili esperienze che abbiamo superato e dalle quali abbiamo tratto degli insegnamenti importanti per la nostra vita”, ha spiegato Amy Belfi, neuroscienziato cognitivo presso l’Università di New York.

Insomma, se volete cominciare la giornata con il passo giusto ora sapete cosa fare: mettere su una bella canzone triste mentre siete in macchina.