È il criminale noto per aver tagliato il lobo dell’orecchio di un bambino sequestrato e da oggi non è più detenuto perché ha terminato di scontare 25 anni. Ha lasciato questa mattina alle 10,40 il carcere di Opera Matteo Boe, il bandito sardo responsabile, tra l’altro, del rapimento il 15 gennaio 1992 a Porto Cervo del piccolo Farouk Kassam, che all’epoca aveva sette anni e fu mutilato dall’uomo perché il padre pagasse il riscatto. Farouk fu poi liberato dopo 177 giorni di prigionia. Boe era stato condannato anche per i rapimenti di Sara Nicoli, e Giulio De Angelis.

L’ex bandito di Lula (Nuoro) venne arrestato il 13 ottobre 1992 a Porto Vecchio, in Corsica, dove stava trascorrendo – da latitante – qualche giorno insieme alla compagna Laura Manfredi. Trasferito nel carcere di Marsiglia, venne poi estradato e condannato nel 1996 a 20 anni di reclusione per il sequestro Kassam. Non si sa ancora se deciderà di tornare nel suo paese natio. Dopo Graziano Mesina, infatti, è lui il bandito sardo più “famoso”. Soprattutto dopo l’avventurosa fuga dal super carcere dell’Asinara, a bordo di un gommone. Era il 1 settembre del 1986 e Boe stava scontando una condanna a 16 anni per il sequestro Nicoli. Fu coinvolto successivamente nel sequestro dell’imprenditore romano De Angelis, rapito in Costa Smeralda nel 1988. E sempre da latitante era stato indicato come uno dei principali
artefici del rapimento del piccolo Kassam, figlio del titolare di uno degli alberghi più rinomati della Costa Smeralda.

Nel 2003 Boe aveva subito un lutto gravissimo: a novembre venne uccisa a soli 14 anni Luisa, la primogenita dei tre figli che aveva avuto con Laura Manfredi. La ragazza era stata colpita da un’arma da fuoco dopo essersi affacciata al balcone nella sua casa di Lula. Un omicidio ancora senza un colpevole.