Stefano Rodotà è stato uno dei protagonisti della battaglia contro la riforma costituzionale voluta da Matteo Renzi. Finito all’indice come “professorone e gufo” contrario al progresso del Paese e del sistema istituzionale con l’unica “colpa” di aver espresso la sua contrarietà alla riforma, difendendo la Costituzione italiana.