La Procura di Roma ha chiesto una condanna a tre anni di carcere per il cantante Gigi D’Alessio, accusato di rapina. Si tratta una vicenda che risale all’11 gennaio del 2007: una lite scoppiata fuori l’abitazione dell’artista tra lo stesso D’Alessio, il suo assistente e due fotografi che cercarono di immortalare la sua residenza.

A chiedere la condanna il pm Cristiana Macchiusi davanti ai giudici della prima sezione penale. La sentenza è attesa per il 22 giugno.  Nel corso della scorsa udienza D’Alessio, difeso dall’avvocato Francesco Compagna, si era difeso negando la rapina: “Non è certo mia abitudine litigare, ero a casa mia all’Olgiata e fui avvertito dai custodi che erano stati allontanati due paparazzi che cercavano di fotografare la mia abitazione. Loro si misero di fronte a casa mia, appostandosi sulla braccianese da dove si vede bene la mia casa”. Il cantante era stato sentito lo scorso 9 marzo. “Ma quale rapina.

Rispondendo alle domande del pm, D’Alessio aveva aggiunto che “di fronte alla loro insistenza, decisi di affrontarli uscendo da casa assieme a De Maria (il suo assistente, ndr), volarono delle parole grosse quando incontrò i due paparazzi. Ci fu anche una colluttazione“¦io chiedevo le fotografie ma mi dissero che non avevano fotografato nulla. Le macchine fotografiche – ha aggiunto – non le presi per impadronirmene ma furono i fotografi a consegnarmele per dimostrare che non avevano fatto foto. I borsoni con gli apparecchi li diedi poi ai carabinieri che hanno fatto un regolare verbale”.