Ricevo via email la seguente testimonianza da un amico medico che era presente sabato 3 giugno in Piazza San Carlo a Torino, per tifare Juventus in piazza. Mi pare d’interesse collettivo. SG

Ieri tre miei amici ed io (tra i 40 e 50 anni) arriviamo a Torino da Toscana e Liguria per vedere assieme la finale Juve-Real Madrid. Decidiamo di arrivare in Piazza San Carlo tre ore prima del fischio di inizio dal momento che la stampa del giorno consigliava di presentarsi in anticipo all’evento organizzato dall’amministrazione cittadina per facilitare le operazioni di sicurezza. Scriviamo perché la nostra coscienza ci impone di “integrare” alcune notizie lette ed ascoltate stamane sui mezzi di informazione dopo che siamo scampati a quella che poteva essere una tragedia di proporzioni molto più vaste (tragedia visto che ci sono persone che attualmente lottano tra la vita e la morte).

1. I controlli sono stati sommari e tutt’altro che accurati ed inoltre addirittura nulli allorquando due di noi sono entrati ed usciti dalla piazza fra primo e secondo tempo senza essere né perquisiti, né controllati.

2. La piazza ci è subito parsa non adatta ad un evento previsto dall’amministrazione stessa con affluenza di circa 30.000 persone; rettangolare, con strette vie di accesso/fuga (perdipiù chiuse da transenne rivelatesi successivamente un ostacolo alla fuga della folla, perché di impossibile rimozione rapida), dotata di schermo troppo piccolo e basso (la nostra stima è che più del 50% dei presenti non potesse vedere le immagini della partita) e priva di contenitori per i rifiuti, di servizi igienici e di spazi di acquisto bibite/alimenti.

3. Già dal primo pomeriggio all’interno della piazza erano presenti venditori abusivi di bottiglie di birra in vetro contenute in grandi carrelli illuminati e refrigerati da acqua e ghiaccio: questo fatto conferma l‘assenza di controlli nel luogo di concentramento della folla a sanzionare i commercianti e gli acquirenti che stavano mettendo a rischio la sicurezza. Dopo poco tempo il pavimento della piazza era un tappeto di bottiglie rotte e la stragrande maggioranza dei referti di pronto soccorso si riferiscono a lesioni da vetro.

4. Già da un’ora prima dell’inizio della partita numerose persone sono salite sul monumento ad Emanuele Filiberto (centro della piazza), sul tetto dell’edicola (angolo della piazza via Giolitti) e su transenne/ringhiere di ogni tipo. Questo fatto, facilmente dimostrabile e temporizzabile da numerosissime riprese video, conferma la scarsa visibilità del video, l’assenza di azione da parte di forze dell’ordine e smentisce l’immagine di pagina 5 de La Stampa di oggi in cui si commenta così un’immagine: “Al riparo. Alcuni tifosi si sono rifugiati sopra il tetto dell’edicola che sorge in un angolo della centralissima piazza San Carlo”.

5. Gran parte dei mezzi di informazione ed il sindaco di Torino imputano la tragedia alla “Psicosi bomba – attentato”, il prefetto inoltre sostiene che la sicurezza anti-terrorismo abbia funzionato. Al momento ci risulta che, a fronte di quanto scritto, solo due persone siano state fermate dalle forze dell’ordine, ore dopo la sciagura e con accusa di sciacallaggio.

6. Questa sciagura ci ha mostrato tutta la superficialità e l’incapacità organizzativa di chi, in tempi di giustificata psicosi da atto terroristico, doveva forse perseguire progetti diversi (a Madrid molte più persone hanno visto la partita seduti comodamente ed in sicurezza nel loro stadio.

7. Non ci è sfuggito che lo schermo in piazza fosse sponsorizzato (Jeep) e che questa mattina abbiamo pagato alla città di Torino l’imposta di soggiorno (3.7 euro a testa) per i servizi offerti.

8. Questa mattina, ancora turbati, abbiamo riconosciuto nelle dichiarazioni di sindaco e prefetto più finalità di manleva che sentimento di scuse e dispiacere nei confronti dei malati (oltre ai danni fisici siamo certi che vi saranno esiti psichici a breve / medio e lungo termine)

Dal canto nostro auguriamo alle persone e bambini ancora in stato di ricovero ospedaliero di tornare presto a casa per ritrovare i loro cari.

di Gabriele Carnevali, Alessandro Fasciani, Damiano Ricci, Francesco Zancanella