C’è di che commuoversi. I ragazzi del Piccolo Cinema America di Roma ce l’hanno fatta, e per il secondo anno l’arena estiva di Piazza San Cosimato, cuore pulsante trasteverino, sarà nottetempo illuminata dalla Settima Arte. E che arte.

Bernardo Bertolucci, Gianni Amelio, Paolo Virzì, Carlo Verdone, Dario Argento. Perfino il doppio premio Oscar Asghar Farhadi che arriverà direttamente dall’Iran per la serata del 30 giugno introducendo Il cliente. Sono solo alcune delle eccellenze cinematografiche che parteciperanno al loro Festival Trastevere – Rione del Cinema iniziato giovedì 1° giugno e che si chiuderà due mesi più tardi, il 1° agosto.

Un cartellone quotidiano, intenso, trasversale e soprattutto gratuito che l’associazione Piccolo Cinema America è riuscita a comporre vincendo i noti ostacoli posti dal Campidoglio più attento alle esigenze di una consigliera comunale ivi residente (e di poche firme da lei raccolte..) che non alle migliaia di adesioni dei cittadini del quartiere. A spuntarla è stato il Municipio I che ha appoggiato la proposta dei giovani volontari – tutti dai 15 ai 25 anni – che per due mesi saranno impegnati in un tour de force da applausi.

Principali sponsor dell’iniziativa sono Regione Lazio, il ministero dei Beni culturali, la Siae e la Bnl, oltre ad alcune aziende commerciali locali. “Non abbiamo mai chiesto né ricevuto soldi dal Comune” sottolinea il presidente dell’associazione Valerio Carocci. Nel programma emergono le retrospettive dedicate a Kubrick, Lynch, Farhadi, Antonioni e Luigi Magni, ma anche le serate Disney e Pixar per i più piccoli ogni sabato sera seguite, a mezzanotte, da alcuni classici dell’horror (sezione Midnight’s Silent Horror) per seguire i quali gli spettatori verranno muniti di apposite radio e cuffie per non disturbare la quiete rionale. Ad eccezione del programma Disney/Pixar, proiettato in italiano, ogni film è offerto in versione originale sottotitolata e proiettato in formato Digital cinema package (Dcp) Il programma completo sul sito trasteverecinema.it.