“È arrivato il momento di fare la storia”. Questo è il tweet che Gigi Buffon ha postato a poche ore dalla “partita più importante della stagione”. “Fino alla fine!” è il grido lanciato all’aeroporto di Fiumicino da alcuni delle centinaia di tifosi della Juventus in partenza per Cardiff per assistere stasera alla finale di Champions League, al Millennium Stadium, fra i campioni d’Italia ed il Real Madrid. Lo scalo romano si è colorato, in queste ore, di colori bianconeri: tanti tifosi indossano sciarpe e maglie, Dybala ed Higuain le più gettonate dai molti bambini in partenza; provengono dalle Marche, dall’Umbria, dalla Campania, dalla Puglia, oltre che dal Lazio: portano con se cartelloni di incitamento, “studiano” le mappe della città e dello stadio.

Cardiff blindata in attesa della Finale –  La città gallese letteralmente blindata è quella che si appresta a vivere il grande appuntamento con la finale di Champions League. Questa sera una fra Juventus e Real Maldrid alzerà al cielo la “Coppa dalle grandi orecchie” nella cornice del Millennium Stadium per l’occasione con il tetto coperto. Dopo l’attentato del 22 maggio scorso a Manchester in cui sono morte 22 persone sono state innalzate le misure di sicurezza. Dalla serata di ieri e per tutta la giornata di oggi tutte le vie che circondano l’impianto sportivo sono state chiuse al traffico. Addirittura sigillati i tombini nei pressi dello stadio. Il centro cittadino è quindi raggiungibile soltanto a piedi. Circa un migliaio di poliziotti presidiano l’area. Migliaia di tifosi con magliette e sciarpe delle rispettive squadre, fan e turisti hanno riempito i bar e i pub e in attesa della partita faranno scorrere la birra a fiumi. Di fronte al Castello, la fan zone allestita dall’Uefa è il cuore pulsante della festa. Giornata soleggiata a tratti ma con un vento che rende la temperatura non propriamente estiva. Per le strade si vive un’aria di trepida attesa, poi questa notte a festeggiare sarà soltanto una delle due tifoserie.

Capello: “Real ha personalità, ma la Juve ha più rabbia” – “Penso che le due squadre siano diverse nell’approccio, il Real ha più personalità, è nel loro dna. Nella Juve c’è grande pragmatismo e c’è più rabbia forse”. Queste le parole di Fabio Capello a Sky Sport a poche ore dalla finalissima di Cardiff. “Zidane forse ogni tanto è un pò troppo rilassato, ma gli spagnoli hanno più attenzione tattica nelle ultime gare – ha aggiunto l’ex mister di entrambe le squadre – Punti deboli? Direi inferiori, in mediana è meglio il Real, gli attacchi si equivalgono a livello tecnico, in difesa dico Juve senza dubbio. Navas è cresciuto molto, ha salvato le gare tante volte, Buffon è una sicurezza. Per chi tifo? Per le italiane”.

Papà di Higuain: “Primo anno in bianconero ed è finale” – “Gonzalo affronterà una delle grandi d’Europa, contro il Real sarà difficile. La Juventus è forte, è a grandi livelli. La cosa divertente è che Gonzalo ha giocato tanto nel Real e in quegli anni mai è stata raggiunta la finale di Champions dai blancos. Mentre alla Juve, al primo anno, la giocherà. Per ogni giocatore è importante”. Lo ha detto Jorge Gonzalo Higuain intervistato da Espn. “Lui ha iniziato nel River Plate, poi a diciannove anni è passato al Real Madrid, dove ha imparato tanto e vinto in Spagna. Poi al Napoli ha vissuto due-tre anni importanti per la sua crescita professionale, prima che la Juventus lo comprasse. Gonzalo ama Napoli, non il presidente De Laurentiis“, ha aggiunto.

Shevchenko: “Faccio il tifo per Gigi Buffon” – “Applaudirò entrambe le squadre, ma nel mio cuore vorrei vedere un grande giocatore come Buffon vincere la finale di Champions League”. Così l’ex campione del Milan, sul sito dell’Uefa a poche ore dalla partita. L’attuale ct dell’Ucraina nel 2003 negò proprio al portiere bianconero la gioia della Coppa, segnando il rigore decisivo a Manchester nella finalissima tra la Vecchia Signora e i rossoneri.

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Dani Alves, Dybala, Mandzukic; Higuain. Allenatore: Allegri Panchina: 25 Neto, 26 Lichtsteiner, 4 Benatia, 8 Marchisio, 28 Rincon, 18 Lemina, 7 Cuadrado Indisponibili: Pjaca, Sturaro Squalificati: nessuno

Real Madrid (4-3-1-2): Navas; Carvajal, Varane, Sergio Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Isco; Benzema, Ronaldo. Allenatore: Zidane Panchina: 13 Casilla, 6 Nacho, 23 Danilo, 20 Asensio, 11 Bale, 10 James, 9 Morata Indisponibili: nessuno Squalificati: nessuno

Arbitro: Felix Brych (Germania)
Ore 20.45 Tv: Canale 5, Mediaset Premium Sport