“Si gioca una partita su una legge elettorale peggio della Prima Repubblica, quando almeno si potevano scegliere i parlamentari. Questa volta nemmeno questo potrà essere concesso agli elettori italiani”. L’ex premier Enrico Letta, nel suo intervento al Festival Economia di Trento, ha bocciato i tentativi di intesa tra Pd, Fi e M5s sulla legge elettorale “alla tedesca” che però offre scarse garanzie sia sul fronte della governabilità sia su quello della rappresentanza“I cittadini in questi anni sono stati espropriati” della possibilità di scegliere i parlamentari “a causa delle scelte confezionate dai partiti“, ha ricordato. “Questa è la questione fondamentale: restituire questa possibilità sarebbe un modo per riconciliare i cittadini con politica”.

“Siamo al termine di una legislatura che non solo ha fallito le riforme istituzionali ma in cui nemmeno si è tornati al punto di partenza”, è il giudizio di Letta. “Si torna indietro”. Perché, appunto, con il nuovo sistema sarà “peggio che nella prima Repubblica”. Inoltre “non si fa una legge elettorale e la mattina dopo si vota, è regola fondamentale della democrazia“, non si va al voto senza dare “nemmeno il tempo a chi non l’ha scritta di leggerla”. Bisogna, è il suo ragionamento, “la chiusura della legislatura avvenga in ordine, per non ipotecare la prossima” consegnando “una zavorra, anche su fronte dei conti, ma mettendo la nuova legislatura nella condizione di poter lavorare bene”.

Più in generale, secondo Letta “non risolviamo i problemi se ci leviamo di torno chi ci dice i no, i veri leader si vedono dalla quantità di no, quelli che dicono solo sì sono leader che fanno il danno del loro paese”. Oggi, ha proseguito, “domina il ‘cortotermismo’”, ma “invece dobbiamo imparare dalle elezioni francesi e da Macron: bisogna testimoniare le proprie convinzioni e non quello che si pensa che la gente pensi”.

“Nella mia esperienza da capo del governo – ha ricordato – ho benedetto i vincoli Ue. Se non ci fossero stati la larga maggioranza del Parlamento, degli attori sociali, una parte significativa dei media e del sistema italiano chiedeva solamente spese in più e non c’era nessun altro lì a dire che spese in più si scaricano sui nostri figli“. Letta ha ricordato che il debito pubblico si è stabilizzato proprio in virtù dei vincoli europei, “grazie all’ingresso nelle regole Ue. Da allora è cresciuto del 7%, nei 24 anni di vita dell’Unione, mentre nei 24 anni precedenti era cresciuto del 221%, dal 38 a oltre il 120%”.