“La testimonianza al processo Marra? Il dovere di testimonianza è previsto dal codice e quindi andrò lì come previsto dalla legge. Mi dimetterò se verrò rinviata a giudizio? Direi di no“. Così ha replicato il sindaco di Roma Virginia Raggi a margine di un convegno “Co2 Free” in Vaticano, in merito alle inchieste giudiziarie che la riguardano e alla testimonianza del prossimo 30 giugno al processo che vede imputati per corruzione l’ex capo del Personale del Campidoglio Raffaele Marra e l’immobiliarista Sergio Scarpellini. La stessa Raggi è indagata in un altro procedimento in concorso con lo stesso Marra, con l’accusa di abuso d’ufficio e falso. Ma il sindaco ha allontanato la possibilità di lasciare in caso di rinvio a giudizio. Lo stesso Di Maio, a margine dello stesso convegno, ha respinto l’ipotesi di dimissioni: “Il nostro codice etico parla chiaro”.