Accolti dal premier italiano Paolo Gentiloni al Teatro greco, tutti i leader del G7 sono arrivati a Taormina (dove è in corso il vertice) puntuali. Unica eccezione: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si è presentato per i consueti saluti in ritardo rispetto all’orario previsto. Il presidente del Consiglio lo ha aspettato davanti alla bandiere per la foto di famiglia di avvio del summit quasi dieci minuti. La scena ricorda quella del 2009, quando l’allora premier Berlusconi, impegnato in una telefonata, fece attendere la cancelliera tedesca Merkel al vertice Nato di Baden-Baden.