Il corteo contro i muri e le discriminazioni, previsto per domani a Milano, sulla scia della grande mobilitazione svoltasi lo scorso 18 febbraio a Barcellona, divide gli animi. E l’episodio di violenza di ieri alla stazione Centrale ha riacceso la polemica politica. Alla vigilia della manifestazione abbiamo ascoltato le diverse opinioni in campo tra i cittadini per le strade di Milano. “Manifestare in favore dei migranti? Non ci penso proprio! Prima occupiamoci degli italiani in difficoltà“, dichiarano in molti. “E’ un’iniziativa necessaria per riaffermare la cultura dell’accoglienza e dell’integrazione”, rispondono i favorevoli. “Aiutare chi fugge da situazioni disperate, va bene, ma l’Europa che fa?”, obietta più di una voce. Man mano che ci si sposta in periferia le critiche all’appello dei promotori si fanno sempre più decise. “I nostri giovani costretti a espatriare in cerca di lavoro, mentre l’Italia è occupata dai migranti, assurdo!”. “Ormai è chiaro: dietro l’immigrazione di massa ci sono grandi interessi economici”. “Accoglierli tutti per tenerli in uno stato di abbandono, che senso ha?”. E voi che ne dite?   di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli