Durante la puntata del 4 maggio 2017 ‘Piazzapulita‘ (La7) ha mandato in onda il cartello per la raccolta fondi di ‘Medici Senza Frontiere‘, Ong immediatamente esclusa – in primis dal procuratore di Catania Zuccaro – da tutte le ipotesi di indagini. Eppure sul web sono subito piovute accuse e offese, che a margine di una conferenza stampa al Senato ilfattoquotidiano.it ha fatto leggere al presidente di MSF Italia, Loris De Filippi. “Rispetto per le indagini, ma è in atto una campagna inaccettabile non solo contro le Ong che si occupano del soccorso e delle ricerche in mare, ma c’è una criminalizzazione della solidarietà di chi aiuta i migranti. C’è una distanza abissale tra le informazioni sulle indagini e la realtà. Siamo colpiti da una montagna di immondizia, c’è uno strisciante razzismo che sta passando – afferma De Filippi, che aggiunge – noi effettuiamo solo il 30% dei salvataggi: questo significa che solo uno su tre dei migranti che arrivano in Italia con il soccorso di una Ong”. De Filippi ci tiene a precisare: “E’ l’Ammiraglio Vincenzo Melone, Comandante della Guardia Costiera, che dichiara come sia la Giuardia Costiera a coordinare tutte le Ong; e spiega come non siano affatto un fattore di attrazione per i migranti. E infine ammette che il soccorso in mare ai migranti non sarebbe possibile senza il nostro lavoro. Questi sono fatti”