Stiamo vivendo un momento particolarmente nero, per quel che riguarda il mondo del lavoro. Disoccupazione giovanile oltre il 40%. Inoccupazione meglio non parlarne. Precariato che soppianta il posto fisso come niente fosse, con praticamente nessuna speranza, per le nuove generazioni, di fare progetti futuri, da una casa a un figlio. Davvero un periodo di merda. Quindi, il primo maggio, Festa dei Lavoratori, avrebbe ottimi spunti su cui riflettere. Da tempo immemore, il primo maggio, è anche il giorno del Concertone dei sindacati, a Piazza San Giovanni, a Roma. E da tempo immemore è anche il giorno di uno degli eventi musicali con la più alta potenzialità di rompimento di coglioni. Elio e le Storie Tese ci hanno fatto su un  pezzo molto divertente, nel suo cinismo, sottolineando come ci siano realtà musicali che vivono praticamente solo su quel palco, realtà che si muovono goffamente tra musiche balcaniche, rock stonato e sghembo, Belle ciao e violini tzigani. Negli ultimi anni l’organizzazione è cambiata, ma va detto che il risultato finale è sempre piuttosto agghiacciante, come se, per una strana questione di mimesi, le canzoni proposte sul palco dovessero rappresentare in tutto e per tutto il periodo oscuro che stiamo vivendo, nel lavoro e nella società. Nessuna speranza, stando a quel che si è susseguito sul palco almeno per buona parte del pomeriggio, solo disperazione, precariato e voglia di darsi alla droga e all’alcol. Perché, diciamocelo, come fai a non stringere il laccio emostatico sul braccio e spararti in vena eroina se ascolti Rocco Hunt, vestito come fosse nato nel Bronx, che fa la cover di Tu vuò fa’ l’americano di Carosone? Come fai a non spararti l’eroina direttamente in una aorta, se senti Teresa De Sio devastare la musica di Pino Daniele? Cazzo, qualcuno le regali un autotune o la inviti a andare a Ballando con le stelle, che tanto hanno già il cognome nei camerini. Già la partenza con gli Apres la classe ci aveva tolto ogni voglia di vivere.

Una musica trita e ritrita, senza classe e senso. Le band e i cantanti usciti dal contest che portava dritti dritti all’anteprima del Concertone, poi, erano stati una specie di condanna a morte per quel residuo di lucidità che ancora eravamo riusciti a tenere con noi. Musica di una tale bruttezza da lasciare abbacinati. Se questo è il futuro, cazzo, forse non è che guardare al domani come a una necessità è così intelligente come ci siamo sempre detti. A salvarsi il solo Geometra Mangoni, con una notevolissima Eleviole ai cori, e Braschi, che almeno sanno come si scrive una canzone, ma non è che sia abbastanza. Tra i cosiddetti Big, che annoverano anche nomi come Mario Cavallaro, corrispettivo tarantesco di “stocazzo”, o il jazzista Guidi, che ci presenta una esecuzione talmente basilare di uno standard da far pensare a una gag, si salvano in pochi, pochissimi, da Marina Rei, accompagnata dalla band dei Paolo Benvegnù (lui, Paolo Benvegnù è assente perché ha avuto recentemente un malore), Artù, cantautore romanesco assolutamente da tenere d’occhio, e pochi altri. Per il resto, musica per punkabbestia con birretta in mano e cani sporchi appresso, e uno conta che almeno la birra riesca a intontirci abbastanza per farci sopportare tanta sciatteria musicale, tanto pressapochismo, ‘sta musica inascoltabile.

Senti gli Ex-Otago cantare “i giovani d’oggi non valgono un cazzo” e ti viene da dar loro ragione, a partire dalla musica di merda che hanno portato a Roma. Anche qui, azzeccare ogni tanto una nota, sappiatelo, non è un peccato mortale. Provateci. Del resto, il ritornello degli Ex-Otago va benissimo per Motta, uno dei casi di sopravvalutazione più clamorosa degli ultimi anni (anche lui stona come una campana, va detto). Qualcuno faccia una moratoria per impedire l’uso del violino nel rock, sembrate tutti gli Afterhours senza esserlo. Tristi cantautori indie e depressi, tipo Le luci della centrale elettrica di Vasco Brondi, che almeno ha fatto dell’essere stonato la propria cifra, e porta a casa il suo senza deludere nessuno, stonato è su disco, stonato è dal vivo, gli altri fanno semplicemente di tutto per imitarlo, riuscendoci. Sia detto per inciso, poi, se non sai cantare e non sai suonare, magari, potresti anche cercare un’altra forma d’arte per esprimerti, che la musica potrebbe non essere cosa per te.

Per il resto, Levante sembra una che a Tale e Quale Show imita Meg ai tempi dei 99 Posse. Maldestro è uno che in futuro potrebbe dire qualcosa di interessante, ma che per ora non ha ancora detto abbastanza per stare lì, non fosse che ha il suo discografico tra gli organizzatori. Discografico che è il manager di Fabrizio Moro, quantomeno con una carriera più significativa per giustificare la sua presenza nella parte alta del cartellone. Sfera Ebbasta non c’è, per questioni di salute, almeno questa Iddio ce l’ha risparmiata. Samuel no, lui c’è stato, evidentemente Dio aveva altro cui pensare.

Discorso a parte per Editors, che fanno apparire nani i nani che in effetti li hanno preceduti, giganteggiando, e però c’entrano in quel contesto come il parmigiano sulla pasta con i frutti di mare. Roba da farti rivalutare i talent, se questa è l’alternativa. No, dai, stavo scherzando, molti di questi ne sono semplicemente la versione “vorrei ma non posso”, la vera musica scorre altrove. Qui di sicuro no. Infatti uno finisce per abbruttirsi, drogarsi, ubriacarsi, al punto che quando sul palco compaiono i Ladri di carrozzelle gli sembra di sentirli gridare “stravedo per la figa”, invece del più canonico “stravedo per la vita”. La roba e l’alcool, viene da pensare, lo hanno fatto girare i fonici di palco, perché un livello tecnico così basso manco alla sagra del Bombarello di Sirolo.

Diciamo le cose come stanno, non è che sotto il cappello del lavoro si possa far passare per buona la qualsiasi. Anzi, proprio il fatto che ci siano problemi legati al lavoro, forse, dovrebbe indurre gli organizzatori, Carlo Gavaudan di Ruvido Produzioni, e Massimo Bonelli di iCompany, a puntare su altra musica, distante da questo stereotipo ormai abusato. Magari solo sul sano pop, se questa è la cosiddetta musica d’autore: i La Rua, che potevano apparire fuoriposto, sono tra i pochi a essersi salvati (oltre a essere tra i pochi intonati), mentre Francesco Gabbani e Ermal Meta hanno fatto meglio di buona parte degli artisti blasonati presenti nel cast, sia tecnicamente che a livello di feedback da parte del pubblico in piazza. A parte loro si salvano Lo Stato Sociale, surreali ma a fuoco, musicalmente inesistenti, ma sicuramente dotati di personalità e con testi che nel loro essere “a post-it” arrivano, e Brunori Sas, sempre più in uno stato di grazia e azzeccato in un concerto che ambisce a guardare al sociale. Anzi, Brunori Sas forse proprio oggi ha fatto definitivamente il suo ingresso tra i grandi della canzone italiana, e non era affatto scontato. Ad accoglierlo Bennato, anche lui in splendida forma. Non se ne accorge solo la Rai che va in pubblicità in mezzo alla sua performance, scandaloso.

Per quel che le storie che si alternano tra una canzone e l’altra, che dire?, roba da far passare il libro Cuore per un saggio di anti-retorica. Esiste un modo di raccontare le storie, ragazzi, sappiatelo. Pagate un autore, iscrivetevi a un corso di storytelling, ma cambiate registro. Così non va. Quando alle 19 è arrivato il telegiornale abbiamo accolto Mattarella che ha parlato con la sua solita verve di lavoro e disoccupazione come fossero i partigiani per le strade di Milano, nel 1945, una boccata d’ossigeno, un refolo di speranza. Così poi si finisce per non seguire più con interesse quel che si svolge sul palco, e ci si perde magari anche qualcosa di buono, sempre che c’è stato. Non è colpa nostra, abbiate pietà, mica è colpa nostra se siamo rimasti schiacciati sotto tutto questo orrore. È il primo maggio e devi lavorare. Piove. Ascolti le canzoni strappalacrime, ascolti le storie strappalacrime e poi corri a mettere sul piatto i Joy Division, sperando di trovare nella voce lancinante e lancinata di Ian Curtis un po’ di gioia di vivere. Sempre che non sia troppo tardi. Così non va, se in Italia manca il lavoro non è certo colpa nostra, non potete farcela pagare così…