“Non-suspicious death”, “morte non sospetta”. È questa la conclusione del coroner britannico sulla base dei primi accertamenti medico-legali sul caso di Benedetta Podestà, 19 anni da compiere a giugno, la ragazza genovese trovata senza vita nell’appartamento in cui abitava a Londra. Lo riferiscono all’Ansa fonti investigative, precisando che il responso è stato comunicato in questi termini anche all’autorità italiane.
Esclusa dunque al momento ogni ipotesi di giallo o di coinvolgimento di altri nella morte della giovane genovese. La famiglia di Benedetta, s’è appreso, chiede intanto riserbo e rispetto per la propria privacy e il proprio dolore.

La ragazza, di cui la mamma non aveva notizie dal 25 aprile, pare non si fosse sentita bene e per questo non era andata nel pub dove lavorava come cameriera. La mamma l’aveva cercata a lungo ed è stata lei a dare l’allarme.