Gentiloni? Il primo provvedimento grande che ha portato in Aula è stato il salvataggio delle banche, mettendo 20 miliardi di euro a debito, e pagando con 8 miliardi di euro di tutti i contribuenti Mps, una banca che hanno spolpato loro. E poi ci dicono che non ci sono i soldi per il reddito di cittadinanza”. Sono le dure parole del deputato M5S, Alessandro Di Battista, intervenuto a Dimartedì (La7). E aggiunge: “Sono ipocriti. Ci sono ipocriti boriosi alla Renzi e ipocriti silenziosi come Gentiloni. Oggi il popolo italiano non può votare perché non c’è ancora una legge elettorale alla Camera e al Senato. E costoro parlano a noi di democrazia? Ma veramente si devono vergognare”. Critiche al vetriolo anche al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, intervenuto poco prima nella stessa trasmissione: “Ha detto che il pareggio di bilancio in Costituzione è stato un errore? E chi l’ha messo? Il Pd. Basta. Io lo dico ai cittadini: ora provano a riciclarsi in ogni modo e mi dispiace riferirmi anche al ministro Delrio. Dobbiamo coltivare la memoria, ricordandoci di quello che hanno fatto, e farli sparire politicamente, perché hanno dato il loro. Renzi ha portato avanti delle riforme per abolire il voto dei cittadini e grazie a Dio ha perso. Festeggiano i dati dell’Istat” – continua – “ma in realtà i dati di oggi sono drammatici: sono aumentati gli inattivi, cioè i giovani che il lavoro non lo cercano nemmeno più. E questi ipocriti impostori della democrazia, che si sono presentati come rottamatori e gli unici a rottamarli spesso sono i carabinieri con le attuali inchieste, vengono a vantarsi di uno “zero virgola”, quando c’è una sofferenza immane? Noi del M5S non siamo web e basta, stiamo tutte le settimane nelle piazze