Nelle situazioni di emergenza, quando c’è un pericolo improvviso o più semplicemente quando si gira in pista, un guidatore disabile può fare esattamente le stesse cose di uno sano: ce lo ha dimostrato BMW Italia sul circuito di Imola durante la presentazione della nuova stagione della Driving Experience. La filiale italiana dell’azienda bavarese ha infatti aperto i suoi programmi di guida sicura ai diversamente abili: questi ultimi vengono inclusi negli stessi identici corsi dei normotipi, senza alcuna differenza nel tipo di attività svolte tra cordoli e birilli. Un’iniziativa resa possibile grazie a “SpecialMente”, il programma di responsabilità sociale d’impresa di BMW Italia.

“L’idea di aggiungere corsi di guida per disabili all’interno del programma della BMW Driving Experience”, sostiene Alessandro Zanardi, ambassador del BMW Group e personaggio ormai mitico, “consolida e arricchisce il programma di responsabilità sociale SpecialMente di cui sono orgoglioso di far parte. Spesso dico che iniziative come questa riescono a esaltare i talenti residui di persone che si rendono conto di poter fare cose che all’inizio non consideravano neppure pensabili. E’ un progetto che mi riguarda da vicino, per ciò che mi è successo nella vita, e farne parte è un grande piacere personale, una cosa che ritengo quasi doverosa”.

Il corso è tenuto da “GuidarePilotare” di Siegfried Stohr e dai suoi istruttori, che collaborano con la casa bavarese dal 1985 e che dal 2006, anno in cui è stata attivata la scuola di guida sicura BMW, ha già erogato più di 21mila corsi. Negli anni l’obiettivo è rimasto sempre lo stesso: formare guidatori più sicuri e consapevoli, in grado di rispondere istintivamente a quel caleidoscopio di situazioni di pericolo che si possono verificare su strada.

“Impostata con una struttura itinerante”, ha dichiarato in una nota ufficiale Salvatore Nanni, direttore marketing BMW auto, “BMW Driving Experience garantisce la presenza capillare sul territorio italiano sfruttando l’emozione e la sicurezza offerta dagli autodromi più prestigiosi. I corsi di Guida Sicura Avanzata disponibili per il 2017 sono 1.300, a cui se ne aggiungono 120 per partecipanti disabili. Entrambi i corsi sono a titolo gratuito e sono disponibili presso la rete di concessionari BMW”.

I corsi di guida dedicati ai partecipanti di SpecialMente sono possibili grazie ai dispositivi di guida a controllo elettronico prodotti dall’italiana Fadiel: per l’acceleratore è previsto un “cerchiello” di comando posto sopra il volante e compatibile con gli airbag. Ancora più avanzato l’acceleratore satellitare wireless bluetooth, che si indossa come un guanto e permette di non staccare le mani dalla corona dello sterzo. E quando bisogna frenare c’è una leva comandata a mano, ideata per permettere l’azionamento del pedale del freno con il solo utilizzo degli arti superiori.

La speranza è che il feedback dei diversamente abili possa aiutare BMW ed i suoi fornitori a sviluppare comandi alternativi sempre più performanti e facili da usare: “Gli stessi comandi – sostiene Zanardi – andranno nel corso del tempo anche sviluppati; ma ritengo che questo sia un fatto innovativo e mi auguro anche ci possano essere degli aspetti che non sono ancora stati considerati ma che, come conseguenza diretta del lavoro che verrà fatto a partire da oggi, potranno un domani offrire un vantaggio importante a tutte le persone disabili che, come me, hanno bisogno di adattamenti speciali per poter utilizzare l’auto in sicurezza”.

 

 

La BMW Driving Experience 2017 seguirà il seguente calendario:

Martedì 16 maggio Vallelunga (RM)

Mercoledì 17 maggio Vallelunga (RM)

Martedì 7 giugno Binetto (BA)

Martedì 12 settembre Mores (SS)

Mercoledì 20 settembre Pergusa (EN)

Mercoledì 25 ottobre Monza (MB)

Giovedì 26 ottobre Monza (MB)

Venerdì 27 ottobre Monza (MB)

Giovedì 23 novembre Misano Adriatico (RN)

Venerdì 24 novembre Misano Adriatico (RN)