La notizia è talmente paradossale da nascondere, forse, una manovra. Potrebbe trattarsi cioè di un annuncio per assumere magari l’amico o il parente, con la scusa che tanto non lo si paga (all’inizio). Ma se invece la vicenda fosse vera dovrebbe suscitare più che indignazione – ormai l’abbiamo esaurita e forse non serve –  un sentimento di inquietudine e sgomento. Perché significa che ormai si è perso ogni senso della realtà, visto che ci sono delle persone che hanno firmato, in questo caso il Capo Dipartimento dei Vigili del fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, senza rendersi conto che quell’annuncio è illegale. Anzi, peggio, anticostituzionale.

Che la Costituzione, laddove dice che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa” – parole che a leggerle oggi fanno piangere di commozione – venga calpestata ogni giorno praticamente da tutti, tra stage, co.co.co, voucher, lavoro in nero, partite Iva, contratti stagionali, apprendistati e via dicendo è cosa nota. Talmente basse sono diventate le paghe e il contributo orario di lavori anche di livello e fatti da professionisti – pochi euro al massimo all’ora – che a volte ci si chiede se non sarebbe più onesto chiedere alle persone di lavorare gratis, tornando allegramente al regime della schiavitù e abolendo la facciata ipocrita del “pagamento”.

E tuttavia in questo caso non si può non trasecolare. Perché a chiedere un giornalista con compenso zero è il Ministero dell’Interno, cioè un’altissima istituzione dello Stato. Ancora più incredibile appare l’annuncio se si leggono le capacità richieste e le attività che questo giornalista dovrebbe svolgere: in generale, si tratta di un’attività di comunicazione per il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile. In particolare, il giornalista si dovrà occupare “in accordo con l’Ufficio Stampa del Ministro” di “supervisione e consulenza nelle materie della comunicazione ed informazione pubblica istituzionale” oltre che di “fornire un supporto tecnico di alto contenuto specialistico teso a potenziare gli strumenti di comunicazione, individuando forme innovative di comunicazione pubblica” senza tralasciare le “pubbliche relazioni con la stampa nazionale ed internazionale”. E poi dovrà “curare la comunicazione e le relative attività relazionali con Istituzioni, professionisti e rappresentanti di enti pubblici e privati” e promuovere la “valorizzazione delle attività relazionali, sociali e culturali del Dipartimento”. Per un’attività di questo tipo, altrove, in Germania, Olanda, Francia, Svezia, ma pure in altri continenti, il compenso sarebbe stato molto alto. E il contratto da dipendente. Giustamente.

Un anno fa il Viminale pubblicò un bando simile, quando ministro era Alfano. Oggi lo rifà con Minniti ministro. Come giornalisti – abituati a tutto, ma non forse a questo – denunciamo l’assurdo accaduto, sperando che arrivi sul tavolo del ministro il quale dovrebbe quantomeno dimostrare all’opinione pubblica di non sapere nulla, licenziando in tronco il dirigente che invece ha avuto la bella pensata. Invece non succederà nulla, come nulla è accaduto l’anno scorso (sarebbe giornalisticamente interessante sentire l’assunto a costo zero: forse con qualche partita di calcetto tra i ministeriali ha trovato  nel frattempo un lavoro retribuito?). L’altro organo che dovrebbe fare qualcosa è l’Ordine dei Giornalisti. Associazione Stampa Romana si è limitata a fare un comunicato in cui dice: “Il Ministero dell’interno non è nuovo a queste prodezze. Ricordiamo lo scorso anno una vicenda identica per la copertura informativa dei migranti. Evidentemente la storia non insegna nulla. Continuiamo così, facciamoci del male”. Ma così non andiamo molto lontano.

Purtroppo sulla questione della precarietà devastante che sta distruggendo un settore fondamentale come quello della comunicazione e del giornalismo l’Ordine dei giornalisti resta responsabile. Ci vorrebbero interventi pesanti a favore dei lavoratori, specie se autonomi e free lance. Bisognerebbe far rispettare le norme che ci sono già, e che tutti calpestano, sui compensi minimi, sui tempi di pagamento. Ci vorrebbe soprattutto una rivoluzione culturale per cominciare a dire che “no, così non si può fare”. Non puoi pagare due euro un articolo, venti un’inchiesta. Non puoi chiamare un giornalista quando ti serve, e poi buttarlo via quando hai finito. E così via. In questa giungla, comunque, le istituzioni dovrebbero essere un esempio di legalità. Qui, invece, raggiungono l’illegalità massima. Domani con questa notizia io ci aprirei giornali e qualche testa dovrebbe cadere. Sarebbe il minimo, se ci si rendesse davvero conto di ciò che è accaduto.

Riceviamo e pubblichiamo la risposta dell’Ordine dei giornalisti

In merito all’articolo di Elisabetta Ambrosi sul bando gratuito emesso dal Ministero dell’Interno ci tengo a precisare che sia in questo caso, che nel precedente bando del 2016, l’Ordine Nazionale dei giornalisti è intervenuto, con una lettera inviata al ministro dell’Interno Marco MinnitiNella missiva l’Ordine chiede di ritirare questo bando perché non conforme alle previsioni normative che non distinguono ai fini degli incarichi ex l. n. 150/2000 tra iscritti all’Elenco Professionisti ed Elenco Pubblicisti dell’Albo dei Giornalisti. Inoltre, comunica che il bando è del tutto illegittimo in quanto non prevede per attività altamente professionali, quali quelle richieste, alcun compenso. L’Ordine ha anche ricordato al ministro che le attività di iscritti ad Albi professionali non possono essere prive di emolumenti da parte del conferente. Emolumenti che devono essere contrattualmente definiti per evitare elusioni di natura fiscale o previdenziale.

Cordialmente, Paolo Pirovano, Segretario Ordine nazionale dei Giornalisti