Ha chiamato il 112 e ha detto: “Ho ucciso mia madre“. La telefonata è arrivata al numero unico delle emergenze intorno a mezzogiorno. L’uomo ha raccontato di aver commesso l’omicidio e ha aggiunto: “Ho messo il cadavere nell’intercapedine, venite”. I carabinieri hanno subito raggiunto casa sua, in via Amipsia a Casal Palocco, quartiere di Roma. Sul posto hanno trovato l’uomo che li aveva chiamati e il cadavere della donna, nascosto nel luogo indicato. Il figlio è stato fermato e portato in caserma per essere interrogato. Secondo le prime informazioni, la donna è stata accoltellata e poi il corpo è stato murato nel locale al piano interrato dell’edificio.

La vittima, Maria Grazia Cornero, 80 anni, faceva parte di una famiglia molto conosciuta nel quartiere, come racconta Il Messaggero. Il figlio, Gianluca Sari, 51 anni, viveva insieme a lei in una villa al civico 85, mentre il marito era morto qualche anno fa. Sari aveva problemi di natura psichiatrica, spiega il quotidiano romano, e più volte era stato visto e sentito litigare con la madre.