Girare il mondo a caccia di partite epiche, di stadi, di vecchi aneddoti, di bar dove il ‘football’, il ‘futebòl’ o il calcio, che dir si voglia, è una ragione di vita. È il sogno di qualsiasi appassionato di questo sport, che quando viaggia non riesce mai a rinunciare a una visita nei luoghi dove si è scritta la storia del pallone. E da oggi avrà un alleato in più: le Football City Guides. Una collana di guide turistiche, le prime al mondo nel loro genere, per chi vuole visitare e scoprire una città europea dal punto di vista calcistico. Libri agili, da leggere durante il viaggio e da tenere con sé in tasca, non solo fitti di racconti, storie di personaggi, aneddoti, interviste, liste curiose, ma anche vere e proprie guide piene di consigli, indirizzi utili, itinerari calcistici slegati o collegati a quelli più tradizionali.

Così gli appassionati potranno finalmente muoversi senza difficoltà fra stadi, musei tematici, toponomastica calcistica, cimiteri con le tombe dei grandi calciatori, sedi e luoghi dove si incontrano i tifosi. A partire da Lisbona e Zagabria, le prime due metropoli scelte da Edizioni inContropiede per esordire con Football City Guides. I tre autori, Alberto Facchinetti, Enzo Palladini e Jvan Sica, hanno girato la capitale lusitana alla scoperta dei luoghi sacri di Benfica, Sporting Clube de Portugal e Belenenses, le tre squadre principali, ma anche di personaggi come Bela Guttmann, Pepe Soares, Miklos Feher, per citarne alcuni. Zagabria risponde con Modric, Boban, Ramljak, Bobek, Jerkovic. Poi lo stadio Maksimir e i Bad Blue Boys, gli hooligans della Dinamo. Così nascono le Football City Guides, chiacchierando con i tifosi delle varie metropoli. Delle seconde guide, da affiancare a quelli tradizionali, per scoprire l’anima calcistica di ogni città.