Scontro vivace a L’Aria che Tira (La7) tra il direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, e la deputata Pd, Pina Picierno, sul servizio delle Iene (Italia Uno) circa le presunte irregolarità nella raccolta firme per la candidatura di Virginia Raggi a sindaco di Roma. Gomez spiega la vicenda e definisce “demenziale” e “illogica” la spiegazione fornita dall’avvocato Morricone, secondo cui l’atto “è pienamente regolare” in quanto “a formazione progressiva”. Poi menziona il caso delle firme false a Verona, vicenda che riguarda trasversalmente Pd, Ncd, Lega, Forza Italia e liste civiche: “Settantuno persone hanno patteggiato pene fino a 5 mesi per aver raccolto firme in modo irregolare e sono tutti al loro posto. Lo stesso è accaduto in Piemonte per il Pd. E c’è anche la vicenda delle firme false del M5S a Palermo“. “Fa impressione che questi del M5s siano quelli dell'”onestà onestà”, gridata in continuazione, e poi ne fanno peggio degli altri” – commenta Picierno – “E fa ancora più specie Gomez che, forse per imbarazzo, richiama le vicende di altri partiti”. “No” – ribatte Gomez, che menziona il caso del tesseramento Pd a Ribera (Agrigento) con liste di iscritti risultanti defunti – “Quello che ha detto quell’avvocato è demenziale. Usare i morti e autenticarne la firma, come è successo nel Pd, è criminale