Sono morti due dei sette operai schiacciati dal tir che ha travolto il cantiere dove stavano lavorando, sulla A10 Genova-Savona. L’incidente è avvenuto intorno alle 9.15 di domenica nel tratto compreso tra Albisola e Celle Ligure in direzione di Genova, all’altezza del chilometro 35. Dopo aver sbandato, il mezzo pesante ha prima travolto un’auto, facendola finire in una scarpata, e poi invaso un’area di cantiere operativo e regolarmente segnalato, ribaltandosi e schiacciando i quattro lavoratori impegnati nella manutenzione del tratto autostradale.

Le due vittime avevano 44 e 54 anni. Un terzo operaio ha subito l’amputazione di una gamba e altri quattro hanno riportato ferite superficiali. Sono rimasti lievemente feriti anche i due passeggeri della macchina che il tir ha mandato fuori strada, così come lo stesso autista del camion insieme al suo passeggero.

Il camionista, di origini romene, è stato arrestato ed è indagato per omicidio plurimo colposo. Si tratta di un atto dovuto. L’uomo è risultato negativo ai test a cui è stato sottoposto per verificare se avesse bevuto o fatto uso di sostanze stupefacenti. Il tratto stradale è stato chiuso al traffico, con uscita obbligatoria a Savona ed eventuale rientro a Celle Ligure. L’incidente è avvenuto nello stesso punto dove sabato un tir è andato a sbattere contro il muro laterale della carreggiata, prendendo fuoco e paralizzando il traffico per alcune ore. Gli operai erano sul posto proprio per riparare i danni provocati da questo incidente.