“Non era in campo una gara tra governo e Cgil, né con nessun altro. Il tema vero è come questo Paese regola bene le relazioni di lavoro e come lo fa dentro i crismi della legalità”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha risposto a una domanda sulle critiche arrivate da Confindustria e se il decreto su voucher e appalti sia una vittoria per la Cgil ed una sconfitta per il governo. “Era chiaro e lo avevamo detto tutti – ha aggiunto Poletti – che bisognava andare verso una drastica riduzione dell’utilizzo dei voucher. C’era questo tema e avendo sul tavolo anche un quesito referendario abrogativo è diventato, gioco forza, necessario fare i conti con questa situazione e quindi abbiamo preso questa strada”.