Polemica e sfuriata del deputato Pd, Edoardo Fanucci, a L’Aria che Tira (La7), durante un dibattito sui vitalizi con il parlamentare del M5S, Danilo Toninelli. A scatenare la bagarre è il post odierno di Beppe Grillo, il quale ha annunciato che la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha garantito la calendarizzazione della delibera targata M5S con cui si chiede di abolire il diritto dei parlamentari a maturare il diritto alla pensione raggiunti i 65 anni d’età, dopo 4 anni e mezzo di legislatura. “Siamo felicissimi-  commenta Toninelli – questa è una bella notizia per tutti i cittadini italiani. Serve fiducia, servono buoni esempi”. Fanucci assicura: “Mi sembra una bella notizia, ma il Pd non starà fermo e giocherà d’attacco. Farà una sua controproposta. Ne vedrete delle belle“. Il deputato dem poi accusa il M5S di non voler andare subito al voto: “Renzi è stato attaccato per aver detto che è inaccettabile arrivare fino a ottobre e prendere così le pensioni”. Toninelli rilancia: “Questa ipocrisia la rispedisco al mittente. Abbiamo dato la soluzione per andare a votare subito e ci hanno detto di no”. “Non ci sto”, si infuria Fanucci, che rievoca il confronto di tra Bersani e due senatori M5S, Crimi e Lombardi. “Eh, buonanotte” commenta Toninelli. “Ma è successo 3 anni fa”, obietta il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Fabrizio d’Esposito. “Fatemi finire il discorso! – protesta Fanucci – Da tre anni a oggi avremo fatto in Parlamento una cosa sola buona? Il M5S non ha votato una cosa con noi! E noi del Pd dovremo vedere il loro gioco? Non esiste! Loro in Parlamento una cosa buona non l’hanno votata con noi”. “Non cado in queste provocazioni – ribatte Toninelli – oggi abbiamo portato una proposta per abolire un privilegio medioevale. Vogliamo che i politici abbiano gli stessi diritti e doveri dei cittadini, paghino le stesse tasse nella stessa maniera e alla stessa età. Quello che dice il collega Fanucci è aria fritta“. E il deputato dem si arrabbia di nuovo: “Aria fritta sarà la tua! Io non ho offeso e non voglio essere offeso”