Valeriano Mureddu, 47 anni, personaggio legato a Tiziano Renzi e a Pierluigi Boschi, padre della ministra Maria Elena, è stato arrestato nella sua casa di Monte San Savino (Arezzo) con l’accusa di bancarotta fraudolenta e distrazione patrimoniale aziendale di Geovision, un’azienda di imballaggi di Badia al Pino dichiarata fallita dal Tribunale di Arezzo. Pur non comparendo ufficialmente come titolare, per gli inquirenti l’impresa è riconducibile a lui.

L’ordine di custodia cautelare è stato emesso dal gip del Tribunale di Arezzo, Piergiorgio Ponticelli, su richiesta del procuratore capo Roberto Rossi, coordinatore delle indagini sul dissesto di Banca Etruria, a cui tuttavia l’arresto di Mureddu non è connesso. L’uomo, di origini sarde, è ora in attesa dell’interrogatorio di garanzia al carcere aretino di San Benedetto.

Circa due anni fa, l’azienda Geovision era finita nel mirino degli inquirenti, che avevano scoperto una sorta di “truffa carosello” con passaggi di denaro da una società cartiera all’altra per la vendita di materiali da imballaggio, con elusione del pagamento dell’Iva. A carico di Mureddu i pm contestano il rischio di inquinamento delle prove e la possibile reiterazione del reato. Un’ordinanza interdittiva riguarda anche Emiliano Casciere, formalmente titolare della Geovision.

Il nome dell’uomo d’affari è emerso anche nell’ambito dell’inchiesta per il crac di Banca Etruria, perché è stato Mureddu nel luglio 2014 ad accompagnare a Roma l’allora presidente Lorenzo Rosi e il vicepresidente Pierluigi Boschi, padre di Maria Elena, da Flavio Carboni, per cercare di individuare un direttore generale per Banca Etruria.

Il nome di Mureddu è circolato anche per operazioni poco chiare circa l’acquisto dell’Arezzo Calcio e per un interesse manifestato per l’azienda aretina Cantarelli prima che finisse in amministrazione straordinaria. L’uomo è sotto inchiesta anche da parte della Procura della Repubblica per riciclaggio e violazione della legge Anselmi sulle società segrete, in riferimento a una presunta loggia massonica deviata.