“Con Zaia finirà come con Flavio Tosi? No, io, lui e Maroni siamo sulla stessa linea. Non ci faranno litigare”. Ai microfoni del ilfattoquotidiano.it, il segretario della Lega Nord Matteo Salvini allontana l’ipotesi di una candidatura come premier di Luca Zaia, dopo i corteggiamenti di Silvio Berlusconi. “Un passo indietro per compattare il centrodestra? Io ne faccio due avanti. Zaia e Maroni fanno bene i governatori di Veneto e Lombardia. Ma son contento che da altri partiti pensino a uomini della Lega per il governo del Paese…“, ha tagliato corto Salvini. Per poi glissare sull’ipotesi di una candidatura del Senatur Umberto Bossi nelle liste di Forza Italia, dopo gli scontri interni al Carroccio: “Intanto ci dicano quando ci faranno votare, poi la Lega avrà i suoi candidati