Licenziato tutto il corpo di ballo dell’Arena di Verona. Giuliano Polo, nuovo Sovrintendente della Fondazione, ha inviato 19 lettere di licenziamento ai ballerini, come già annunciato dopo che a fine 2016 non era stato trovato nessun accordo nella trattativa con le organizzazioni sindacali. In seguito all’apertura della procedura di mobilità da parte della stessa Fondazione, chiude dunque definitivamente il corpo di ballo stabile “nel disinteresse delle istituzioni, con in testa il Ministero dei Beni Culturali deputato a vigilare e tutelare le arti di cui la danza è essenziale bene comune”, denunciano in un comunicato i sindacati Fials e Cisal. Nelle 14 Fondazioni Lirico-Sinfoniche italiane, rimangono ora solo quattro corpi di Ballo: Milano, Roma, Napoli e Palermo.

Nel comunicato viene denunciata “con estremo sdegno” l’attuazione “del disegno del Governo di smantellamento delle eccellenze artistiche delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche italiane”. I sindacati sottolineano come 19 ballerini siano stati licenziati “con presunte motivazioni economiche in contraddizione con gli enormi incassi del botteghino”. “Quali risposte culturali la politica sta fornendo alle giovani generazioni che, entusiaste, riempiono i teatri soprattutto negli spettacoli di balletto? Solo tagli e nessun investimento o progetto”, scrivono ancora Fials e Cisal.