Stava partecipando all’inseguimento di un furgone, terminato con un incidente. Uscito dalla volante, ha lottato contro uno degli uomini in fuga, cadendo in un dirupo. È morto così a 28 anni l’agente di Polizia Francesco Pischedda: lascia una compagna, Anna, e una figlia, nata nell’aprile 2016. Nato a Imperia ma originario della Sardegna, era in servizio alla sezione della Polizia stradale di Bellano, provincia di Lecco, e nel 2014, con due colleghi, aveva ricevuto una lode per un’operazione che aveva portato all’arresto di un uomo accusato di un furto aggravato.

Nella notte tra giovedì e venerdì ha intercettato un furgone sospetto. Le persone a bordo non si sono fermate all’alt e ne è nato un inseguimento lungo la Superstrada 36 fino a Colico, nel lecchese. Lì gli agenti sono riusciti a bloccare il mezzo. Uno o più uomini sono rapidamente fuggiti, mentre Pischedda è riuscito a fermarne un’altro. A seguito dello scontro fisico, i due sono caduti per alcuni metri in un dirupo. Sono stati subito soccorsi e ricoverati, ma nella notte il poliziotto è morto per le gravissime lesioni interne. Ora sono in corso le indagini e la caccia in tutto il territorio per cercare le persone che sono riuscite a scappare. Sull’accaduto la Procura di Lecco ha avviato un’inchiesta.