“Finalmente ciucciare piselli guadagnandone un riconoscimento istituzionale non sarà più un privilegio di Ministri e Sottosegretari”. E’ il discusso post pubblicato sul suo profilo personale di Facebook da Lorenzo Gasperini, venticinquenne consigliere comunale di Cecina (Livorno) in quota Lega Nord. Intervistato da Ecg Regione (Radio Cusano Campus), il giovane politico si cimenta in un trafelato “mirror climbing” per spiegare la sua irriverente sortita sull’ex ministro Maria Elena Boschi, rea di aver annunciato, sempre sul popolare social network, gli ultimi decreti legislativi sulle unioni civili: “C’è stato sicuramente un grande equivoco, perché “ciucciapiselli” è una battuta toscana. Noi toscani siamo un popolo abbastanza fantasioso e infatti “ciucciapiselli” a Firenze vuol dire “juventino”. Andate su Google e scrivete “ciucciapiselli juventino”. E vedete cosa viene fuori. C’è anche una canzone con quel termine e si canta sempre a Firenze”. E spiega: “E’ evidente che mi riferisco al lato sessuale quando, però, parlo delle unioni civili, cioè al sistema di questo governo che ancora, anziché prendere voti e confrontarsi con gli italiani, continua a leccare i piedi. In questo leccare i piedi qualcuno che ha la coda di paglia ci ha visto altro”. Gasperini, che curiosamente il 20 gennaio a Cascina (Pisa) modererà un convegno intitolato “Gender, colonizzazione ideologica”, precisa: “Non faccio nessun passo indietro e non chiedo scusa. Ribadisco quanto detto sulle unioni civili e il problema della volgarità per me è una questione di deideologizzazione della lingua. E’ palese che la mia fosse una battuta da toscanaccio. La Boschi” – continua – “è di Montevarchi, non è di Torino: immagino che abbia capito la mia battuta. E’ come se io avessi detto leccaculo: non c’è allusione sessuale. Ripeto: sul lato sessuale, mi riferivo alle unioni civili, non alla politica. Non mi interessano quello che fanno i politici a letto. A me interessa che questo sia il quarto governo di fila non eletto dagli italiani. Si governa perché si lecca il culo ai potenti. Anche di Gentiloni potremmo dire che è un ciucciapiselli”