Johnny Depp e Amber Heard, fine della storia. I due sono ufficialmente divorziati: i documenti giudiziari depositati venerdì presso il tribunale di Los Angeles contengono i dettagli dell’accordo. Depp pagherà alla ex moglie 7 milioni di dollari, somma che lei dice di voler donare interamente in beneficenza (dividendola in parti eque fra l’American Civil Liberties Union e l’ospedale pediatrico di Los Angeles).

La Heard aveva chiesto il divorzio a maggio, dopo 15 mesi di matrimonio e pochi giorni dopo avere ottenuto un’ingiunzione restrittiva temporanea contro il marito. Una fine rovinosa e chiacchierata, quella del breve matrimonio tra i due: nella denuncia Amber sosteneva che il marito fosse stato violento con lei in più di una occasione. Secondo gli avvocati di Depp queste accuse sarebbero state del tutto false: la Heard avrebbe solo cercato di “assicurarsi una risoluzione finanziaria prematura avanzando accuse di abusi”. “Siamo tutti contenti di lasciare alle spalle questo spiacevole capitolo nella vita del signor Depp e della sua famiglia”, ha affermato Laura Wasser, avvocato di Depp.

Nell’ambito dell’accordo, Heard ha ritirato la sua richiesta di lasciare in vigore l’ordine restrittivo a carico dell’ex marito e ha fatto cadere le accuse di diffamazione contro un amico di Depp, il comico Doug Stanhope, per un articolo in cui l’aveva accusata di ricattare e manipolare il marito. Soddisfatto anche il legale di Amber Heard: “Tutto quello che Amber voleva era essere divorziata, e adesso lo è”, ha detto Pierce O’Donnell.

Diversi gli immobili che resteranno a Depp, come ad esempio le proprietà di Los Angeles e Parigi e la sua isola privata alle Bahamas. A lui rimarranno anche più di quaranta veicoli e barche, comprese le sue amatissime collezioni di auto vintage e moto. Alla Heard resterà invece la custodia dei cani Pistol e Boo che furono al centro di uno scandalo in Australia, dove l’attrice si dichiarò colpevole di avere falsificato i documenti di viaggio per farli entrare nel Paese nel 2015 senza avere compiuto le appropriate procedure di quarantena.