“Uno dei risultati più importanti” del lavoro della commissione sulla radicalizzazione è aver appurato che “i percorsi di radicalizzazione si sviluppano soprattutto in alcuni luoghi, nelle carceri e nel web, più che in altri luoghi che abbiamo magari molto seguito negli scorsi anni o decenni. Non c’è un idealtipo uguale per ciascuno dei soggetti che si radicalizzano, sono situazioni molto diverse. Ma bisogna lavorare sulle carceri e sul web per la prevenzione”. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa a Palazzo Chigi.