Nuovo giro di vite dei Carabinieri del Comando Provinciale di Milano contro le rapine negli esercizi commerciali: nel corso delle ultime operazioni di servizio sono ben 8 i “colpi” attribuiti e 3 i malviventi finiti in manette. 

I militari della Compagnia di Vimercate hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Monza nei confronti di un pregiudicato 48enne italiano, già tratto in arresto a novembre per una rapina in farmacia e di un tunisino 52enne, incensurato. Le indagini dei Carabinieri sono scaturite da due rapine consumate l’11 maggio scorso, a distanza di mezz’ora, rispettivamente in una farmacia vimercatese e in un ufficio postale di Camparada. In entrambi i casi un uomo armato di fucile a canne mozze aveva minacciato gli esercenti e, ottenuto il denaro, complessivamente 2mila euro, si era dato alla fuga assieme al complice in attesa all’esterno.

I Carabinieri della Stazione Milano – Barona hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Milano, nei confronti di un pregiudicato 40enne originario del capoluogo lombardo. Le indagini condotte dai militari dell’Arma hanno permesso di individuarlo quale autore di 6 rapine a mano armata, perpetrate tra il gennaio e il febbraio scorsi, ai danni di 2 tabaccherie, 2 sale scommesse, una tintoria e un’enoteca, tutte in zona Barona, dove il malvivente risiedeva. Il bottino aveva superato i 12.000 euro complessivi.

In entrambi i casi, l’attività info-investigativa condotta dai Carabinieri, la ricostruzione dei modus operandi e i fotogrammi estrapolati dai filmati di videosorveglianza hanno permesso di inchiodare i rapinatori alle rispettive responsabilità.