NVIDIA ha avuto l’onore di tenere il keynote di apertura del CES 2017, mostrando al mondo il proprio punto di vista e le proprie innovazioni nel campo dell’intelligenza artificiale, del gaming, delle TV, automobilistico.

GeForce NOW, il servizio di gaming in cloud di NVIDIA, sarà disponibile in primavera su PC e Mac e permetterà di giocare in alta qualità indipendentemente dall’hardware posseduto, anche ai titoli più recenti. Il servizio metterà a disposizione degli utenti, tramite l’app GeForce NOW, dei PC virtuali dotati di schede GeForce GTX su cui potranno installare e giocare in streaming ai giochi presenti nelle proprie libreria sui vari store digitali (es Steam, Origin, Uplay, Battle.net). Il servizio sarà fruibile mediante una tariffazione a consumo che permetterà di scegliere fra due opzioni: saranno richiesti 2 crediti/minuto per utilizzare macchine dotate di GTX1060, invece al costo di 4 crediti/minuto si avrà accesso alla più potente GTX1080; al momento della registrazione i player riceveranno 1000 crediti omaggio, potendo successivamente acquistarli in pacchetti di 2500 al costo di 25$ (saranno convertiti in 25€ per l’Italia?). Sicuramente GeForce NOW si prospetta come una soluzione interessante per permettere a chi gioca saltuariamente di farlo al massimo della qualità senza dover acquistare un dispositivo apposito, ma va precisato che i gamer più assidui non sono sicuramente il suo target: in meno di 4 mesi con una media di 2 ore al giorno la spesa per i crediti sarebbe già sufficiente ad acquistare la GPU utilizzata.

Al CES la casa di Santa Clara ha presentato anche la nuova iterazione della Shield TV che, riducendone le dimensioni di circa il 40%, porta il media streamer/console al centro della “smart home”: l’arrivo di Google Assitant su TV permetterà di utilizzare i comandi vocali sia per la ricerca di contenuti sia per la messa in pausa, l’avanzamento e riavvolgimento rapido, l’integrazione della tecnologia SmartThings Hub permetterà di connetterla con gli altri dispositivi domestici intelligenti compatibili e, tramite i nuovi microfoni (opzionali) NVIDIA SPOT, il tutto potrà essere controllato comodamente da qualunque punto della casa. Per quanto riguarda la sua funzione core di media streamer, ai servizi già presenti nella precedente versione si aggiunge subito l’offerta 4K HDR di Amazon Video, mentre nei prossimi mesi arriveranno i contenuti di Google Play Movies ed i video a 360° della YouTube TV App. Per i gamer di interesse è l’accordo con Ubisoft, grazie al quale i nuovi giochi di quest’ultima, come ad esempio For Honor, saranno disponibili per la SHIELD in contemporanea al rilascio della versione PC; non di secondaria importanza l’arrivo di un app dedicata allo streaming locale dei giochi Steam e del multiplayer online. La nuova SHIELD TV è già preordinabile e sarà disponibile a partire dal 16 gennaio al prezzo di 229,99€ e vedrà inclusi nella confezione anche il nuovo controller ed il telecomando,  da fine mese sarà disponibile a 329,99€ anche in versione Pro con storage da 500GB. Nessuna differenza per il SoC rispetto alla versione 2015 che avevamo recensito qualche mese fa  (che riceverà comunque parte degli update software),  ma il prezzo leggermente più alto è comunque ripagato dalla presenza, finalmente, in bundle del telecomando e dalle dimensioni più compatte. 

audi-q7-piloted-driving-concept-vehicleNVIDIA collabora ormai da qualche anno con vari partner nel settore automobilistico fornendo il proprio hardware e le proprie soluzioni sia per i sistemi di infotainment sia per la gestione dei sistemi di guida autonoma. Al CES ha presentato i risultati ottenuti dalla proprio programma autonomo utilizzando la test car BB8: invece di dotare il veicolo di algoritmi o regole pre programmate, NVIDIA ha optato per l’utilizzo di un sistema di deep learning, istruendo dunque il sistema di guida autonoma inizialmente mediante i dati raccolti con  un uomo al volante per poi successivamente iniziare a darle autonomia su strada. Il sistema composto dal software NVIDIA Driveworks eseguito sul DRIVE PX2 è alla base di un nuovo accordo tra NVIDIA ed Audi che puntano a portare su strada entro il 2020 auto dotate di AI avanzate, e durante il CES eseguiranno alcune dimostrazioni del sistema e della sua capacità di reazione ed adattamento tramite delle Audi Q7 che le integrano.

Per i gamer più esigenti NVIDIA ha annunciato i primi monitor G-Sync HDR che applicano il sistema di sincronizzazione degli fps in uscita dalla GPU e della frequenza del monitor anche per i pannelli a 4K HDR fino a 144Hz. Piccola novità anche per GeForce Experience, il software di gestione dei driver delle GPU NVIDIA aggiunge Facebook Live tra i servizi disponibili per la funzionalità di streaming. Nel comparto GPU non pervenuta la GTX1080Ti, sono le GTX1050 e GTX1050Ti invece a far parlare di se grazie ai vari notebook che la equipaggiano presentati da vari produttori in questi giorni, tra cui alcune interessanti soluzioni che promettono notebook da gaming (non estremo) a prezzi inferiori ai 900$.