Un pilota di un Boeing 737 è stato arrestato in Canada dopo essere svenuto nella cabina dell’aereo e essere stato accompagnato fuori dal velivolo: la polizia di Calgari l’ha messo in cella perché ha il sospetto che il pilota abbia perso i sensi dopo essersi ubriacato. Il fatto è avvenuto il 31 dicembre, ma è stato reso noto oggi dalla polizia canadese. Come raccontano gli agenti il capitano Miroslav Gronych – un 37enne slovacco – è stato trovato in stato di incoscienza nella cabina di pilotaggio. Poco prima il resto dell’equipaggio lo aveva visto comportarsi in modo strano. L’aereo si stava preparando per decollare prima in direzione di Winnipeg e poi per Cancun, in Messico, 99 passeggeri a bordo e 6 membri dell’equipaggio. “I primi test – ha spiegato la polizia in una dichiarazione riportata dalla Cnn – indicano che il pilota era severamente alterato dall’alcol”. La compagnia aerea, la Sunwing, si è scusata del comportamento del pilota e si è complimentata con il resto dell’equipaggio per la diligenza con cui hanno gestito “lo sfortunato incidente”, assicurando che la sicurezza resta “la nostra massima priorità”. Alla fine l’aereo è decollato con qualche minuto di ritardo, ma almeno con un pilota sobrio.