Prima c’era #Marra, poi #Raggi. Ma nel primo pomeriggio i due hashtag sono stati spazzati via da un un trending topic inequivocabile: #Raggidimettiti. Sull’arresto del capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, accusato di corruzione insieme al costruttore Sergio Scarpellini, sono intervenuti centinaia di utenti. Stanchi delle “scuse” della sindaca, chiedono un suo passo indietro e liquidano il primo cittadino come incompetente. Incapace di scegliersi persone fidate e di amministrare la città.

“Se dopo 6 mesi di giunta degli “onesti” arriva la GdF in Campidoglio non voglio immaginare gli altri 4 anni e mezzo”, scrive Il Parlamentarista e Eugenio si rivolge al primo cittadino: “L’unica cosa che ci fa paura è la tua incredibile incapacità e inettitudine. Dimettiti”. Fabio invece torna sul rifiuto dei Giochi. Perché “con un braccio destro come Marra – scrive – ti credo che Raggi non voleva le Olimpiadi per paura di corruzione“.

E il fiume di commenti prosegue sullo stesso tono: “Grillini finti moralisti, urlano onestà ma raccolgono corruzione e illegalità, inadatti a governare. Scomparirete presto”, “essere arrestati con Scarpellini dice tutto. Marra era un ex di Alemanno e non può essere una scelta tecnica”, e “ora possiamo concentrarci su un’altra battaglia: liberiamoci di quella nullità che fa finta di amministrare Roma“. Interviene anche Roberto Saviano: “Virginia Raggi – sottolinea in un post su Facebook – ha legato il suo destino a quello di Raffaele Marra. Prenda atto della sua inadeguatezza e si dimetta”, e aggiunge che “la destra peggiore a Roma ha scalato un M5S privo di anticorpi”.


Tanti anche i messaggi di elettori e utenti delusi sulla pagina Facebook della sindaca. Che, come nei tweet dell’hashtag #Raggidimettiti, le chiedono di andarsene. “In pratica la Raggi – scrive Giuseppe – ha fortemente voluto Marra in Campidoglio. Marra amico di Scarpellini costruttore della casta. Marra fratello del vice comandante dei vigili che la stessa sindaca ha promosso a capo dipartimento del turismo della capitale“.

Lorenzo, poi, ricorda alla Raggi di avere difeso Marra “fino a ieri”. E aggiunge: “La città da mesi è di fatto senza giunta, senza una direzione politica, senza amministrazione“. Phoenix, pur ammettendo l’accanimento mediatico nei confronti dei 5 Stelle, dice alla Raggi: “Dovevi stare attenta alle persone invece hai fatto vedere tanta incompetenza, incoerenza e anche un po’ di arroganza. Se dovevi portare trasparenza, aria nuova a Roma hai scelto proprio le persone sbagliate e lo sapevi”. E Alessandro conclude: “Speriamo che oggi possa capire la sua totale incapacità nella gestione di una città come Roma (magari dovrebbe fare prima una gavetta con un piccolo paese). Dovreste cercare una figura con una certa competenza e professionalità. Accetti questa critica costruttiva. Saluti”.