“Politico e mafioso”. Se si tratti di una beffa ad opera di qualche internauta burlone, o di una ingiuria da parte di un Napalm 51 qualsiasi, è presto per stabilirlo. Sta di fatto che chi in queste ore ha cercato su Google informazioni su Matteo Orfini è incappato in una sorpresa inattesa. Il primo risultato che emerge dal motore di ricerca, infatti, riporta le poche righe di anteprima che rimandano alla pagina di Wikipedia del presidente Pd. Un sommario che recita così: “Matteo Orfini (Roma, 30 agosto 1974) è un politico e mafioso italiano”.

Com’è possibile? Evidentemente qualcuno ha inserito l’informazione sbagliata: un atto di “vandalismo” – così viene definito nel gergo di settore – contrario allo spirito di “collaborazione responsabile” alla base dell’enciclopedia libera online. “Si tratta di fatti non rari, a dire il vero: ma le false informazioni di solito vengono rimosse in pochissimo tempo da altri utenti”, spiega Niccolò Caranti, uno tra i 110 amministratori di Wikipedia Italia. E infatti, consultando la cronologia delle modifiche della pagina dedicata a Orfini, si scopre che l’accusa infamante è stata inserita da un anonimo poco dopo le 15 di domenica 11 dicembre, e cancellata da un altro anonimo appena 4 minuti dopo.

L’anomalia, nella fattispecie, è dovuta però al fatto che, nonostante non sia più presente nella pagina interna di Wikipedia, la dicitura “mafioso” risulti visibile nell’anteprima offerta da Google. Neppure Caranti riesce a spiegarselo: “Non mi risulta che solitamente le informazioni rimosse compaiono su Google. Non so dire perché in questo caso accada”.