Dopo cinque mesi di silenzio, John Cantlie, il reporter britannico preso in ostaggio dall’Isis, è ricomparso in un video dalla città irachena di Mosul, prodotto dall’agenzia dello Stato islamico ‘Amaq‘, in cui parla degli attacchi aerei e dei problemi di acqua ed elettricità in città. Cantlie venne rapito nel novembre 2012 in Siria, insieme all’americano Janes Foley, quest’ultimo decapitato nell’agosto del 2014, e da allora è apparso diverse volte in video propagandistici dell’Isis