Passi che hai 25 anni e vai in giro su una macchina da 130 mila euro, ma che la parcheggi al posto riservato ai taxi e ce la lasci una notte intera proprio no. Non a Parigi almeno, dove l’allerta per possibili attentati rimane sempre altissima.

Così, il giovane (chiamato semplicemente Oliver da Le Parisien) che qualche sera fa se l’è spassata nell’elegante sesto arrondissement e mezzo ubriaco ha preferito tornare a casa proprio in taxi, la mattina successiva alla bravata ha trovato una brutta sorpresa: la sua Porsche 911 Carrera S era stata fatta brillare dagli artificieri della polizia, perché ritenuta sospetta.

Non tutta in realtà ma solo il cofano, aperto grazie ad una modesta carica esplosiva, per controllare se dentro fosse stata sistemata una bomba ben più grande. Che, ovviamente, non c’era. Forse ad attirare l’attenzione della polizia saranno state le doppie frecce lasciate accese dal proprietario, anche perché a settembre un’auto lasciata nelle stesse condizioni vicino a Notre Dame era stata trovata con dentro bombole a gas pronte ad esplodere.

Niente del genere, in questo caso, ma solo un giovane incauto che parcheggia dove non deve e che ora ha intenzione di chiedere i danni alla polizia. Con poche chance di ottenerli, immaginiamo.