L’ex presidente della Rai Roberto Zaccaria – ospite a Bologna dell’incontro organizzato da Pippo Civati e dal suo partito Possibile annuncia di avere presentato un ricorso all’Agcom, l’Autorità nazionale delle telecomunicazioni, su quella che definisce “una presenza enorme del governo e del presidente del Consiglio Matteo Renzi nel dibattito in televisione sulla riforma costituzionale”. Il ricorso è stato presentato assieme ad altri contrari alla riforma costituzionale, tra i quali Alessandro Pace, presidente del Comitato nazionale per il No al referendum del 4 dicembre. “Una legge del 1993 – spiega Zaccaria al Fatto Tv – dice che il governo, durante le campagne elettorali, deve parlare lo stretto indispensabile e con sobrietà. Ma noi ora abbiamo un protagonismo assoluto del presidente del Consiglio a ogni ora del giorno e nei Tg principali. Anche quando il premier parla d’altro, di Europa o di legge di stabilità, c’è una propaganda oggettiva a favore del Sì”