Gustavo Zagrebelsky, presidente onorario del comitato per il No al referendum costituzionale spiega di essere in rapporti epistolari con Renato Brunetta, anche lui per il No, sui temi della Costituzione. “Si può perfettamente andare d’accordo sul quadro – ha detto il costituzionalista, ospite del congresso nazionale di Magistratura democratica in corso a Bologna – ed essere divisi sugli elementi politici quotidiani che dovranno riempire politicamente quel quadro”. Il giurista fa quindi una “confessione” alla platea: “Da quando c’è questa cosa in campo (la campagna referendaria, ndr) intrattengo ottimi rapporti con Brunetta. E in questi rapporti epistolari preciso sempre che, quando si parla di questioni politiche quotidiane, probabilmente nel 99 per cento dei casi non saremmo d’accordo. Ma sulla Costituzione si può andare d’accordo, è un’altra cosa, è su un altro piano”