Donald Trump in rimonta su Hillary Clinton. Il 63% dell’elettorato ritiene che le nuove indagini dell’Fbi csulle mail dell’ex segretario di Stato non cambiano la loro decisione sul voto. E’ quanto emerge da un sondaggio Abc/Washington Post, il primo condotto dopo la comunicazione di James Comey (Fbi) sul ritrovamento di nuove mail legate a Clinton. Il rilevamento conferma inoltre una corsa serrata con il 46% delle preferenze a livello nazionale per la candidata democratica e il 45% per il repubblicano.

Secondo le rilevazioni delle ultime ore, il miliardario newyorkese starebbe recuperando terreno non solo nei sondaggi nazionali ma anche in uno stato cruciale come la Florida. Il repubblicano è infatti ad un solo punto da Hillary Clinton nello stato, secondo il sondaggio pubblicato oggi da Nbc/Wall Street Journal.  In particolare il ‘poll’ sottolinea come la democratica abbia un grande vantaggio, il 54% contro il 37%, tra gli elettori che hanno già votato avvalendosi del sistema dell’early vote. Mentre la situazione si rovescia se si considerano gli elettori che devono ancora votare, con Trump che ha il 51% e Clinton il 42%.

La candidata democratica continua invece ad avere sei punti di vantaggio – 47% a 41% i- n North Carolina. Anche in questo stato l’early vote è nettamente in suo favore: il 61% contro il 33% di Trump. Un diverso sondaggio, della Cbs News, dà Clinton in testa solo di 3 punti in North Carolina, dandola in vantaggio anche in Pennsylvania (8 punti) e Colorado (3 punti), mentre il candidato del Grand Old Party sarebbe avanti di due punti in Arizona.