Sul fondo del Golfo del Messico è stato scoperto un lago le cui acque risultano letali per la maggior parte della fauna acquatica, ma anche per l’uomo. A rivelarlo è il biologo americano Erik Cordeun in un articolo pubblicato sulla rivista ‘Oceanography. In pratica, si tratta di  una piscina situata sul fondo dell’oceano con concentrazioni di sale 5 volte superiori a quelle dell’acqua circostante. Trovate  anche alte concentrazioni di metano e solfuro di idrogeno, che risultano essere estremamente tossiche per qualunque animale osi nuotare in quelle acque. Gli unici a sopravvivere sono i batteri, alcune specie di gamberi e i vermi tubi giganti. Nel filmato, girato da EVNautilus, è possibile vedere numerose carcasse di granchi che hanno avuto la sfortuna di addentrarsi in quelle acque