La caserma dei vigili del fuoco di Piacenza, dopo l’arrivo di un’opera d’arte acquistata dal ministero delle Infrastrutture al prezzo di 110mila euro, è sicuramente più bella. Ma quando i pompieri devono farsi una doccia, l’acqua persa dallo scarico, da più di sei mesi, scende nell’autorimessa. Oppure quando piove le stanze al piano terra si allagano perché mancano gli infissi. Senza contare le mancanze strutturali a quattro anni dall’inaugurazione della nuova sede: dall’assenza di un distributore di benzina per le emergenze o di un capannone per i mezzi. Per questo, dopo l’installazione all’ingresso del bassorilievo realizzato dagli artisti Nicola Renzi e Arthur Duff, l’umore in strada Valnure non è dei migliori.

A prevedere l’installazione è una legge del 1949 che obbliga “lo stanziamento del 2 per cento del costo di un nuovo edificio pubblico per abbellire con opere d’arte lo stesso immobile” e a nulla sono servite le richieste dei sindacati perché quei fondi fossero dirottati su interventi strutturali: “Abbiamo bisogno di tutto tranne che dell’opera”, hanno protestato i rappresentanti dei lavoratori. “Lo stipendio netto di un pompiere, dopo 20 anni di servizio è di 1.450 euro al mese, mentre il contratto non viene rinnovato dal 2009” ricorda Giovanni Molinaroli, sindacalista della Cgil-Funziona Pubblica. Una questione sollevata ora anche dai consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Mirta Quagliaroli, Andrea Gabbiani e Barbara Tarquini: “In Italia abbiamo perso il buon senso e la percezione delle priorità” dicono.

Dal 2014 i sindacati dei pompieri hanno portato avanti la battaglia per chiedere che i fondi stanziati dal ministero per il bassorilievo venissero dirottati ai servizi mancanti in una struttura inaugurata meno di quattro anni fa: “Senza nulla togliere al valore degli artisti che l’hanno realizzata, mentre noi facciamo i salti mortali per garantire livelli di sicurezza dei cittadini e del territorio, questa installazione grida vendetta. Ci manca ancora un capannone per i mezzi, così come un distributore di benzina (presente nella precedente struttura, ndr). Ora abbiamo solo una cisterna con le taniche per riempire i veicoli. Ma poi mancano persino gli infissi alle porte del piano terra, tanto che quando piove si allagano i locali, oppure da sei mesi sono rotti gli scarichi delle docce e non si trovano i soldi per ripararli”.

L’opera è installata all’ingresso della caserma. Il bassorilievo si intitola “1456_2012” e, secondo quanto scritto nella scheda tecnica degli autori, “cerca di visualizzare, tradurre, cristallizzare in linguaggio estetico-visivo l’importante attività svolta dai Vigili del fuoco nell’espletamento del loro lavoro nel nostro Paese nel corso dei secoli”. Quello rappresentato, “è un grande tappeto di segni, della memoria, una zona allo stesso tempo delle avversità presentate e delle risposte puntualmente restituite con il dovere di quei uomini e quelle donne, che hanno prestato loro stessi senza nessuna forma di atarassia”.

La spiegazione non è bastata ai vigili del fuoco, che vivono la decisione come una beffa. “Già nel 2014 avevamo espresso perplessità rispetto all’applicazione della legge da cui discende questo bando – scrive la Cgil in una nota -, anche perché la caserma di Piacenza ancora oggi, a ben 4 anni dall’apertura, ha gli stessi problemi iniziali e nulla è stato fatto dalla dirigenza, né tanto meno dal ministero per migliorare la situazione dell’immobile, come sempre a causa della mancanza di fondi. Stanziando i 110mila euro per lavori utili, la caserma avrebbe potuto essere abbellita con un’opera frutto, ad esempio, di un concorso scolastico, o tra giovani artisti desiderosi di far conoscere le proprie opere e a cui destinare comunque un più accettabile contributo economico”.