È cambiata la giuria (con tre nuovi giudici su quattro), è cambiata la location, ma l’attesa per i live di X Factor è rimasta la stessa. Dopo la lunga fase di audizioni, bootcamp e home visit, il talent show condotto da Alessandro Cattelan su SkyUno entra nel vivo, da domani e per otto giovedì, con le puntate in diretta, la sfida tra i dodici cantanti in gara suddivisi in quattro squadre, gli ospiti internazionali e l’immancabile Xtra Factor con l’altrettanto immancabile Mara Maionchi.

La giuria composta da Fedez, Arisa, Manuel Agnelli e Alvaro Soler ha già avuto modo di ambientarsi e trovare l’amalgama durante le selezioni, ma da giovedì sera sarà tutta un’altra musica, con la lunga sfida fino alla vittoria finale del 15 dicembre, come di consueto dal Forum di Assago.

È un target oliato, che funziona alla perfezione, ma ogni anno deve quasi ripartire da zero perché cambiano le variabili che influenzano la riuscita o meno dell’edizione. Ecco perché, a parte la giuria, è importante anche scegliere bene i talenti in gara, dai quali dipenderà la presa sul pubblico di questa decima edizione (la sesta targata Sky).

Ma pensare che X Factor non sia innanzitutto uno show televisivo è naif, ed ecco che arrivano molte novità prettamente televisive ad arricchire ulteriormente il menu. La prima (e sicuramente la più succosa) è l’esordio di StraFactor all’interno di Xtra Factor, dopo X Factor (una sorta di matrioska infinita che accompagnerà lo spettatore fino a notte fonda). StraFactor, in pratica, è una gara senza esclusione di colpi tra i personaggi meno “convenzionali” che abbiamo imparato a conoscere alle selezioni durante le scorse edizioni. Un “freak show” benevolo e divertente affidato alle preziose mani di Mara Maionchi e Elio, che proprio come la Maionchi ha abbandonato il ruolo più serio di giudice per vestire panni decisamente più rilassati. A coordinare il tutto, torna Daniela Collu (la “Stazzitta” di Twitter), a cui verrà affidato il delicato compito di arginare due uragani come Elio e Mara.

Per quanto riguarda la gara “ufficiale”, il parco concorrenti è ormai definitivo (dopo il caso Jarvis e il ripescaggio di un altro gruppo): la squadra Over (guidata da Manuel Agnelli) è composta da Eva, Andrea e Alessandra Fortes Silva; i gruppi (affidati ad Alvaro Soler) sono i Les Enfants, Daiana Lou e i Soul System; Arisa (le cui scelte sono state le più discusse sui social) capitanerà la squadra degli Under uomini con Lorenzo “Loomy”, Marco “Fem” e Diego; le Under donna sono stata affidate, infine, all’ormai veterano Fedez, che ha portato ai live Caterina, Gaia e Roshelle.

Diciamolo subito: quest’anno sembra mancare il talento evidente che ammazza la gara. È un bene, almeno dal punto di vista televisivo; è un male, forse, da quello musicale, visto che fino a questo momento non abbiamo ascoltato nulla di clamoroso. A sentire i bookmaker di Sisal Matchpoint, però, i favoriti sarebbero Andrea Biagioni (team Manuel Agnelli), Gaia (team Fedez) e Marco “Fem” (team Arisa), quotati a 4,50, mentre tra i giudizi la spunterebbe Fedez dato a 2,15.

Per quanto riguarda la striscia giornaliera che seguirà le attività dei ragazzi nel loft e in sala prove, è stata riconfermata con merito Aurora Ramazzotti, che dopo le polemiche preventive dello scorso anno ha dimostrato di saperci fare.

Intanto, mentre i live devono ancora cominciare ufficialmente, Sky canta già vittoria per i risultati delle puntate delle selezioni: 1.350.000 di spettatoti medi (+12% rispetto allo scorso anno), con la seconda puntata che ha addirittura raggiunto il record nella storia di Xfactor su Sky con 1,5 milioni.

Sul fronte degli ospiti, si parte con Marco Mengoni, il frutto più pregiato della storia del talent (anche se si era ancora in Rai e c’era ancora Morgan) e Matt Simons, mentre nella seconda puntata sarà la volta di Giorgia, seguita da Shawn Mendes e Robbie Williams per il terzo appuntamento. Non si sa ancora nulla sugli ospiti della finalissima del 15 dicembre al Forum, anche perché di solito il nome di grido (lo scorso anno c’erano stati i Coldplay) arriva più in là.

Da domani, dunque, si accendono i riflettori sul rinnovatissimo palco curato come sempre da Luca Tommassini, che promette coreografie e scenografie sempre più da grande show internazionale.