Come da copione, la proposta di legge M5s per dimezzare gli stipendi degli onorevoli a 5mila euro lordi al mese (e non netti) se ne torna da dove era venuta: nei cassetti della commissione. La maggioranza della Camera con 109 voti di scarto ha decretato che non è tempo per gli onorevoli, che hanno solo lo stipendio più alto d’Europa, di risparmiare sulle loro indennità. “Sono come vacche autonominatesi sacre”, ha scritto sul blog Beppe Grillo che ha seguito tutto il dibattito dalla tribuna mentre circa 200 attivisti protestavano davanti a Montecitorio. “Il Pd tradisce la carta e il mandato degli elettori”. I motivi sul perché non possano accettare la riduzione dello stipendio restano ancora oscuri: Ettore Rosato dai banchi dem ha gridato che “per ridare credibilità alla politica serve più efficienza e non il taglio degli stipendi”. Ma di argomentazioni in generale ce ne sono state poche. Il leader della minoranza Pd Pierluigi Bersani su La7 l’ha definito “un ping pong tra demagogie, tra quelli che “dicono ‘vota sì e tagliamo i politici’ e chi dice ‘trasformiamo il netto in lordo e siamo già a posto”. Il presidente del Consiglio è arrivato, non a caso, quando ormai era troppo tardi: “Noi siamo disponibili a ridurre lo stipendio dei parlamentari, anche a dimezzarlo, a condizione che non sia un giochetto, una ‘mossa'”, ha detto dal salotto di “Porta a Porta”. E ha rilanciato anche la sua idea di legare la proposta alle presenze in Aula: “Ridurre gli stipendi, sì. Ma bisogna metterlo con le presenza”.

Video di Mauro Episcopo

Il provvedimento è arrivato in Aula solo ieri e le intenzioni di affossarlo erano apparse chiare fin dall’inizio: “Farsa”, “demagogia”, “tagliateveli voi”, alcune delle argomentazioni più riuscite dei colleghi democratici. Chi ha risposto nel merito ha proposto o “di alzare le indennità” (come ha avuto il coraggio di fare oggi l’ex leghista Marco Marcolin) o di calcolarle in base al reddito pregresso (vedi la genialata di ieri di Brunetta e del viceministro dell’Economia Enrico Zanetti) o addirittura di lavorare tutti “gratis (la sparata è del leader dei moderati Giacomo Portas). L’onere di chiedere il ritorno in commissione è spettato al capogruppo di Centro Democratico Lorenzo Dellai che ha messo in guardia i colleghi con toni a dir poco apocalittici: “Non vogliamo concorrere a far deragliare né la vicenda referendaria, né la politica sugli scogli di una spirale di populismo”. Tra i gruppi che hanno votato contro non solo il M5s, ma anche Sinistra ItalianaFratelli d’ItaliaForza Italia.

Il deputato Ettore Rosato, che per i dem è capogruppo, è stato protagonista di un botta e risposta con lo stesso Grillo: il deputato Pd ha invitato il comico ad andare a chiedere conto delle spese alla sindaca M5s in Campidoglio. Lui gli ha risposto: “Bravo, ti voglio bene”, ridendo dalle tribune dove sedeva a fianco dei responsabili comunicazione grillini Casalino e Loquenzi. Rosato come la collega Morani il giorno prima ha scelto un terreno quanto mai scivoloso per attaccare i 5 stelle. La Raggi, se da una parte è stata protagonista di crisi politiche e polemiche per la formazione della giunta, dall’altra uno dei primi provvedimenti adottati è stato proprio quello del taglio delle auto blu. Poi ha continuato leggendo lo stipendio ricevuto dal grillino Luigi Di Maio dicendo che “prende quanto gli altri parlamentari” che “danno poi parte dei soldi per mantenere i partiti e lo fanno con orgoglio”, mentre i 5 stelle con questi soldi “fanno altro e cosa fanno non lo sappiamo”. Il M5s però da quando è entrato in Parlamento rende metà dello stipendio e la diaria non rendicontata a un fondo per la piccola media impresa. Il Pd da statuto ha previsto che gli eletti devono versare mensilmente un contributo al partito proporzionale alle indennità: richiesta che tra l’altro non viene molto spesso rispettata. 

Sit-in M5s davanti a Montecitorio. Pd: “Flop” – Gli attivisti M5s hanno risposto dalla piazza di Montecitorio. A radunarli è stato Beppe Grillo in persona che sulla campagna batte da giorni: in un primo momento avrebbero dovuto entrare alla Camera con lui, ma l’appuntamento si è trasformato in una manifestazione pubblica all’esterno dell’Aula. A comunicare l’esito del voto ai militanti è stato Alessandro Di Battista. “Vergogna, vergogna” hanno risposto in coro. “Siamo indignati”, ha detto il deputato grillino, “da questa gentaglia pronta a intervenire sulla carne viva dei cittadini ma che non si taglia nemmeno un euro quando riguarda i loro stipendi. Siamo Davide contro Golia, ma non molleremo di un centimetro. Viva la Repubblica, viva la sovranità popolare”. La piazza ha reagito urlando “Onestà, onestà”. E’ stato srotolato anche uno striscione, tenuto dai parlamentari M5s davanti all’ingresso della Camera dei deputati: “Tagliatevi lo stipendio, la vera riforma è questa”. Poi Luigi Di Maio su Facebook: “Gli italiani non ci hanno mai sperato, forse ci abbiamo sperato più noi. Hanno gettato la maschera”. Per il Pd in piazza c’erano quattro gatti: “Roma invasa da frigoriferi e materassi”, ha scritto su Twitter il deputato dem Ernesto Carbone riprendendo in tono provocatorio le parole della Raggi a Repubblica, “molto più numerosi dei 4 gatti grillini scesi oggi in piazza. Aveva ragione Taverna, c’è il complotto”.

Grillo per tutta la mattinata aveva scelto le provocazioni invece degli attacchi, ribattezzando la giornata campale “Pace e bene day“: “Non ci credo che il Pd non vota la nostra proposta per la riduzione degli stipendi. Pensate il Papa come sarebbe contento” aveva detto prima del voto. “Pensate come sarebbe contento il Papa”. Il testo infatti ieri a sorpresa ha strappato anche il sostegno del presidente della Cei Angelo Bagnasco che ha detto “il taglio sarebbe un segnale positivo”.

Gli stipendi dei parlamentari italiani sono i più alti d’Europa – A fare i conti in tasca ai parlamentari questa volta è anche il Codacons che cita le già tristemente note classifiche degli stipendi dei parlamentari in Europa e in cui l’Italia è sempre prima. Come ha ricordato l’Associazione dei consumatori “un onorevole italiano guadagna in media sei volte e mezzo più di un elettore e porta a casa uno stipendio lordo mensile tra indennità parlamentare, diaria e rimborso di trasporto, che supera i 16.000 euro: 60% in più rispetto alle media Ue. Senza considerare i vitalizi: il triplo che nel resto d’Europa”. Basta fare un rapido confronto, ha aggiunto il Codacons ” e la differenza emerge subito: prendiamo per esempio la Spagna, dove i 350 membri del ”Congreso de los diputatos” hanno un’indennità mensile lorda di 2.813 euro. O in Gran Bretagna, dove i 650 membri della “House of Commons” hanno un’indennità mensile lorda di 6.350 euro. Oppure ancora il Parlamento Europeo, i cui 736 deputati hanno un’indennità netta di 6.200 euro. La differenza è lampante e notevole”. “I soldi dei cittadini italiani vanno spesi bene. Ingiustificabile  una differenza così netta tra gli stipendi dei parlamentari italiani e quelli di tutta Europa. Soprattutto in questo difficile periodo economico – sociale è necessario risparmiare su tutto e destinare le risorse dove davvero c’è bisogno”.

Il Pd si giustifica: “Volevamo fare un lavoro serio, voi urlate e basta”
Rosato, a parte il siparietto con Grillo e l’invito ad andare in Campidoglio, ha poi motivato la decisione dei dem di votare per far tornare la proposta in commissione. “La politica – ha detto Rosato – deve tornare ad avere credibilità e non la ritrova dicendo che prende meno soldi puntando allo zero ma quando diventa efficiente. Noi proviamo a farlo”. Spiega il capogruppo democratico che “abbiamo provato a fare un lavoro serio comune in commissione, abbiamo chiesto lo stesso trattamento dei parlamentari europei ma a loro non interessava venire in Aula per una legge che mettesse ordine e tagliasse i costi ma tagliasse semplicemente gli stipendi. Per dire che un parlamentare dovesse prendere la metà della Muraro. E’ il loro metro”. Rosato ha rivendicato “la credibilità di chi ha cancellato 468 milioni di rimborsi all’anno ai partiti, 300 milioni della Camera. Ma voi non volete discutere veramente – ha proseguito rivolto ai colleghi dei Cinquestelle – A voi fa comodo questo sistema: quando le cose non funzionano e si può urlare vi sta bene e poi questo sistema nella opacità alla fine fa sì che i parlamentari del Pd prendono lo stesso stipendio di M5S. Voi i soldi non li tenete ai partiti e dove li conservate non lo sappiamo”.